Jack Dorsey punta sui video per risollevare Twitter

Jack Dorsey punta sui video per risollevare Twitter

- in Tecnologia
736
0

A pochi giorni dal suo insediamento come nuovo amministratore delegato di Twitter, Jack Dorsey ha già dato il via ad una serie di cambiamenti finalizzati a risollevare le sorti del social network, che da qualche mese registra una forte fase di declino.

Con sempre meno iscritti all’attivo e una densità di interazioni che diminuisce quotidianamente, il social del cinguettio registra una delle fasi peggiori dalla sua creazione, spingendo il nuovo Ceo ad avviare diversi progetti, che prenderanno piede proprio a partire dai prossimi giorni. Fra le novità più attese troviamo la presunta eliminazione del limite dei 140 caratteri, il lancio di Moments e l’inserimento di un’apposita sezione dedicata ai video, quasi a voler ricreare una timeline.

A partire dalla giornata di ieri, 12 ottobre 2015, infatti, su Twitter è possibile caricare video a partire dal mobile e dall’interfaccia web, per una dimensione massima di 512 Megabyte. La durata stessa del video, inoltre, è una delle discriminanti della piattaforma, che prevede l’apertura di un’apposita finestra dedicata nel caso si superino i 30 secondi di proiezione. Alla possibilità di pubblicare video si collega un’importante funzione tipica di Youtube: la possibilità di monetizzare i contenuti in base al numero delle visualizzazioni. Ogni utente, infatti, all’atto della pubblicazione del contenuto potrà scegliere la specifica categoria di riferimento nel quale inserirlo e un messaggio pubblicitario della durata di sei secondi che apparirà in pre-roll, ovvero prima della riproduzione del contenuto stesso. Stando alle parole del sito Re/Code, l’approccio ideato da Dorsey richiama quasi fedelmente le dinamiche di Youtube, ma prevede un ricavo maggiore per le media company coinvolte, che potranno ottenere fino al 70% degli introiti pubblicitari, a differenza del 55% concesso da Youtube.

La nuova tecnologia, che caratterizza il social network dei 140 caratteri, farà parte di diritto del programma Amplify, un’interfaccia realizzata con l’intento di convogliare il fermento che accompagna un evento televisivo verso la rete, con la finalità di approfondire ed amplificare le dinamiche già mostrate in Tv. Al momento già diversi media statunitensi, come Mashble, Mtv, Fox e Vox Media hanno deciso di aderire all’iniziativa con l’intento di sfruttare le potenzialità del programma.

La seconda novità introdotta dal nuovo Ceo è stata denominata Moments. Si tratta di un’estensione della piattaforma che permette la riproduzione di immagini in formato Gif, accompagnata da un generatore e da un motore di ricerca delle stesse immagini animate. Inoltre, verrà introdotta la possibilità di fruire di contenuti trasmessi via Periscope direttamente dalla timeline, permettendo il passaggio da quello che oggi è un social network a quello che domani sarà un social live media. L’auspicio è quello che il social network in declino possa riuscire a risalire la china, sfruttando la potenzialità attrattiva che i video hanno nei confronti di inserzionisti ed utenti. Non resta, quindi, che augurare un buon lavoro al giovane Jack Dorsey, invitandolo a vagliare nuove possibilità al fine di portare il social network che rappresenta verso nuovi importanti traguardi futuri.

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Anziani e bambini: quando ad accomunarli è il gioco

Cosa succede se si consente ai degenti di