Alla scoperta delle bellezze dell’Islanda, terra del ghiaccio e del fuoco

101
islanda

La sua natura selvaggia e i paesaggi unici attraggono in Islanda numerosi viaggiatori, specialmente in solitaria. Scopriamo quali sono le sue meraviglie e perché vale la pena visitare l’Islanda almeno una vita nella vita.

Uno dei Paesi più affascinanti per qualsiasi appassionato di viaggi è senza dubbio l’Islanda, realtà che ha davvero tanto da offrire. Meta preferita dai viaggiatori in solitaria, questa terra di ghiaccio e fuoco offre a chi la visita una vacanza diversa, a misura d’uomo e lontana dal caos delle grandi capitali europee. Un viaggio meditativo che però non esclude divertimento e avventura. Scoprire l’Islanda è anche un’occasione per sfatare i luoghi comuni che la vedono solo come un Paese freddo e totalmente desolato. Ecco cosa includere nel proprio itinerario.

Reykjavik: piccola capitale, grande cuore

La prima meta da inserire nel proprio itinerario è Reykjavík, la capitale. Trattandosi a tutti gli effetti di una piccola città la si può visitare interamente a piedi. A differenza di ciò che si pensa comunemente delle città nordiche, la capitale dell’Islanda è una città accogliente e dall’animo caloroso. Pur non essendo troppo estesa, risulta essere davvero ricca e viva da un punto di vista culturale e sociale, come testimoniato dai tanti poli museali presenti. Vi sono almeno quindici musei per cui vale la pena spendere del tempo e tra questi il Museo Arbaejarsafn, che ha la particolarità di essere totalmente all’aperto e di raccontare, letteralmente, la vita in Islanda nel corso del XVII secolo. Anche i custodi del museo sono vestiti in linea con il secolo in questione. Reykjavík offre molti divertimenti e attrattive anche agli amanti della vita notturna.

islanda

Natura viva

Spostandosi a solo un’ora dall’affascinante capitale, ecco che si arriva all’altrettanto interessante Laguna Blu. È una delle piscine naturali più note a livello internazionale, una sorta di SPA naturale. Sempre in tema di bellezze naturali si deve sicuramente trovare il tempo materiale per visitare due luoghi in particolare, ovvero il Thingvellir National Park e le Cascate di Gullfoss. Per capire l’importanza del primo basta pensare al fatto che è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Qual è la particolarità di questo parco? Il fatto di trovarsi in una zona vulcanica. E per chi è rimasto affascinato da paesaggi come il Grand Canyon, la visita di questo particolarissimo parco sarà un’esperienza indimenticabile.

islanda
Cascate di Gullfoss

Molto interessante è anche il lago Thingvallavatn, che si trova nel perimetro di questa attrazione naturale ed è il più grande lago di tutto il Paese. Le Cascate di Gullfoss è l’attrazione naturalistica più importante di questa terra. Nelle rare giornate di sole, le loro acque sono capaci di dare vita ad una sorta di arcobaleno.

Ghiaccio e aurore magiche

Infine, parlando di Islanda non si possono dimenticare i ghiacciai. In questo senso l’attenzione non può che concentrarsi sulla Laguna Jökulsárlón nata nella seconda metà degli anni ’60 del secolo scorso dallo scioglimento del Breiðamerkurjökull, uno dei più grandi ghiacciai d’Islanda. La sua profondità è di poco meno di 200 metri e si possono scorgere ancora dei ghiacciai nel fondale. Prima di ripartire, se si visita l’Islanda tra settembre e aprile, sarà inoltre possibile assistere all’affascinante fenomeno dell’aurora boreale, uno degli spettacoli naturali che ogni viaggiatore porterà per sempre nel proprio bagaglio di ricordi più preziosi.

islanda

Il Team di BreakNotizie

Leggi anche:

Viaggio nei luoghi di Game of Thrones: i suggestivi set in cui è stata girata la serie

Una realtà poco nota ai turisti: Stoccolma