In Polonia si possono acquistare mezzi militari a prezzi di saldo

In Polonia si possono acquistare mezzi militari a prezzi di saldo

- in Mondo
2520
0

In Polonia sta fiorendo un mercato di armi che comprende anche blindati, lanciarazzi e carri armati; il tutto veramente a prezzi di saldo. Basta infatti possedere una autorizzazione rilasciata dal governo polacco, unita ad alcune migliaia di euro, per poter acquistare e portarsi a casa una serie di mezzi militari, funzionanti ma non armati.

Il “Bastion Market Wojskowy”, il mercato delle armi polacco ogni anno è visitato da 100.000 persone e, per chi non lo può visitare di persona, c’è a disposizione un sito Internet sul quale si possono effettuare gli acquisti on line. Verificando gli accessi a questo sito ed i nominativi di chi si reca a visitare il Bastion Market Wojskowy, si scopre che la passione per le armi e per i blindati non è appannaggio dei soli polacchi.

Ad esempio un panzer può essere portato a casa disponendo di 150.000 zloty, che al cambio equivalgono a circa 35.700 euro e quindi quasi chiunque, sempre con l’autorizzazione speciale del governo di Varsavia, può in pratica acquistare un carro armato.
Il Bastion Market Wojskowy si trova a Kołobrzeg, una cittadina sul mar Baltico, abitata da circa 50.000 persone, ed è un fornitissimo discount, gestito da Marta Michalska. Nato per la vendita di oggetti militari, come cappelli, abbigliamento militare, mostrine nuove ed usate dell’esercito polacco, ed armi più comuni come pistole e fucili, è in grado di vendere anche qualcosa di più sofisticato come dei panzer, perfettamente funzionanti, e cannoni contraerei.

Il listino on line del Bastion Market Wojskowy dispone di circa 1.800 articoli, tra i quali una autoblindo BRDM 2 con un prezzo da offerta speciale, solo 29.999 zloty, che corrispondono a meno di 7.100 euro. Questa autoblindo, perfettamente funzionante, ha inoltre percorso solo 13.000 chilometri.

Un’altra occasione, venduta quasi a prezzo di saldo: solo 29.900 zloty, è rappresentata da un veicolo corazzato russo, siglato BTR-60, che l’annuncio dichiara come unico presente sul mercato del Paese. Il BTR-60 è in pratica seminuovo, essendo stato costruito nel 1984 e l’unico problema è rappresentato dalle sue gomme che non sembrano essere in perfetto stato.

Per chi vuole un’alternativa sono disponibili anche dei mezzi anfibi corazzati, gli SKOT, degli 8×8 che sono stati sviluppati in Polonia ma che nascono da disegni effettuati in Cecoslovacchia, quando questo stato non era ancora diviso in due tra Repubblica Ceca e Repubblica Slovacca. Anche questi mezzi sono praticamente a prezzo di saldo, 19.900 zloty.

Spulciando tra le molte offerte speciali del catalogo si scopre anche la presenza di un Tank T-55, lungo 9 metri e pesante 36.500 chilogrammi. Non certamente un giocattolino da parcheggiare davanti a casa, ma che si può acquistare in rete al prezzo di 185.000 zloty. Sul listino si trova poi il Krug, un lanciarazzi cingolato, che viene descritto e garantito in ottime condizioni e pronto per essere guidato. La vendita del Krug è solo in esportazione, ed il suo prezzo è pari a 49.900 zloty.

Tra agli autocarri militari si può trovare il GAZ 66, un mezzo che era in dotazione sia all’esercito russo sia a quello polacco e del quale nel 1999 cessò la produzione, dato l’arrivo del più moderno GAZ 3308. Il GAZ 66 è un 4×4 garantito per poter arrivare ovunque. Il suo costo è maggiore, e si avvicina infatti ai 40mila euro.

Sempre tra i veicoli da trasporto si può avere per 4.640 euro un 375D Ural funzionante. Questo veicolo pesante è di fabbricazione sovietica. Per chi ha diverse esigenze si può passare ad un Ural 4320, mezzo fornito di un V8 Kamaz, che il sito Internet descrive come una novità e, forse per questo, è in vendita a circa 20.000 euro.

Parlando delle circa 100mila persone che durante l’anno visitano il Bastion Market Wojskowy, la titolare li descrive come curiosi, escludendo che si possa trattare di guerrafondai, e conferma che tra i visitatori ci sono anche molte famiglie con bambini.

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Anziani e bambini: quando ad accomunarli è il gioco

Cosa succede se si consente ai degenti di