Il Programma Spaziale Segreto italiano guidato da Marconi

Il Programma Spaziale Segreto italiano guidato da Marconi

- in Scienza
581
0

Un ex agente americano del Naval Intelligence, William Tompkins, ha condiviso la sua conoscenza circa l’esistenza di un programma spaziale segreto italiano nella puntata di oggi di ExoNews TV. Egli sostiene che le spie degli US Navy si fossero intrufolati nelle prime industrie aerospaziali della Germania nazista e avessero saputo di questo programma italiano, e informato un gruppo segreto di Naval Intelligence, tra cui Tompkins, che era di stanza alla Naval Air Station, San Diego 1942-1946.

La testimonianza di Tompkins avvalora documenti dell’era fascista secondo cui, nel 1933, l’Italia avrebbe iniziato uno studio Top Secret su un disco volante catturato, studio diretto dal famoso inventore italiano Guglielmo Marconi.

Secondo i documenti pubblicati alla fine degli anni 1990, Benito Mussolini entrò in possesso di un UFO il 13 giugno 1933, era un disco di progettazione e provenienza sconosciuta. Dopo un’analisi approfondita, i ricercatori italiani hanno concluso che i documenti erano autentici e hanno confermato il primo incidente di recupero UFO nella storia – 14 anni prima del famoso incidente di Roswell nel 1947.

Uno dei principali ricercatori italiani coinvolti nello studio dei documenti era il fascista Alfredo Lissini. Ecco la sua descrizione dell’incidente del 1933

13 giugno 1933. Un dispositivo circolare che assomigliava ad un paio di piattini uniti ai loro bordi esterni si è schiantato vicino alla città di Maderno, in Lombardia, nel nord Italia. L’oggetto, fatto di sottile metallo, grigio-argenteo, era di circa 15 metri di diametro e spessore inferiore a 2,13 metri …. Non vi erano occupanti all’interno nell’oggetto che è stato trovato.

failfa02
Documento di epoca fascista raffigura un UFO shiantato

Lissioni ha continuato a descrivere l’organizzazione top secret creata per studiare l’UFO recuperato come dichiarato dai documenti:

Il Duce creò la RS / 33 Cabinet ( “Ricerca-Spionaggio / 1933”), che aveva sede presso prestigiosa Università di La Spezia, la prima commissione MJ 12 istituito per studiare la situazione dell’UFO precipitato in Italia era guidata da Marconi.

In un’intervista ad ExoNews TV di oggi, Tompkins [WT] ha discusso il programma spaziale segreto italiano in risposta ad una serie di domande in cui io [MS] gli ho chiesto del coinvolgimento dell’Italia nel programma della Germania nazista nello sviluppo di tecnologie antigravitazionali:

[MS] Gli ingegneri e scienziati di Mussolini hanno aiutato i nazisti sviluppare queste tecnologie?

[WT] Beh c’era in realtà era un programma completamente separato da Hitler … C’era un gruppo che era legato con [Maria Orsic] .. E [il programma spaziale italiano] era come un terzo … La SS lo facevano, lei [Orsic] lo ha iniziato e lo ha continuato e poi, in Italia, ce ne fu uno massiccio. Fu importante …

Per quanto riguarda che ha guidato il programma spaziale italiano, Tompkins ha confermato che si trattava effettivamente di Marconi, come indicato nei documenti di volo fascisti:

[MS] è stato quel qualcosa che le spie della Marina sono stati in grado di identificare Marconi come l’italiano …

[WT] come l’individuo, sì. C’era molta più roba italiana nelle aziende in cui lavoravano diverse persone, come subappaltatori. Avevano innovazioni in diversi settori. ERano persone brillanti, ma che era separate dalla Mussolini, completamente. Due mondi diversi …

Marconi
Guglielmo Marconi insieme a Nikola Tesla ha inventato trasmettitori radio senza fili. Entrambi credevano di aver stabilito comunicazioni radio con gli extraterrestri.

Significativamente, Tompkins sta qui confermando che il programma spaziale segreto di Marconi era completamente separato dal programma aerospaziale più avanzato del periodo precedente la seconda guerra mondiale creato da Mussolini prima della seconda guerra mondiale.

Il fatto è stato simile alla situazione in Germania, dove le SS naziste e le società segrete tedesche avevano costruito programmi spaziali paralleli. Le società segrete tedesche avevano in gran parte trasferito il loro programma in Antartide, e lo avevano tenuto separato dal programma spaziale in fase di sviluppo da parte del SS naziste, in primo luogo per lo sforzo bellico.

Nel libro, addetti ai lavori parlano dei programmi spaziali segreti, della cooperazione tra le SS naziste e il governo fascista di Mussolini nello sviluppo di dischi volanti per l’impegno della seconda guerra mondiale. Tuttavia, ciò che Tompkins ha rivelato è che sia i tedeschi e gli italiani avevano programmi aerospaziali avanzati separati gestiti da società segrete in parallelo a questi lavori ufficiali.

Le affermazioni di Tompkins qui corrispondono in pieno a quelle di Corey Goode, che dice di essersi imbattuto in queste informazioni tramite pastiglie di vetro intelligente durante il suo servizio presso un programma spaziale segreto dal 1987 al 2007. Goode ha detto che le società segrete tedesche negarono alle SS naziste le più avanzate tecnologie, che avrebbero potuto essere utilizzate per vincere la guerra. E’ quindi probabile che il massiccio programma spaziale segreto di Marconi, secondo Tompkins, avrebbe, allo stesso modo, negato tecnologie avanzate al governo fascista italiano.

Ci sono stati a lungo voci di un impegno civile per costruire dischi volanti in Sud America guidati da Marconi, la cui morte nel 1937 fu presumibilmente falsa. Secondo il ricercatore archeologico indipendente, David Hatcher Childress, la morte di Marconi fu una copertura per il suo spostamento in Venezuela per avviare un progetto avveniristico al riparo dalla guerra europea che incombeva:

Si dice che novantotto scienziati fossero andati in Sud America, dove hanno costruito una città in un cratere vulcanico spento nelle giungle del sud del Venezuela. Nella loro città segreta, finanziata con la grande ricchezza che avevano creato durante la loro vita, hanno continuato il lavoro di Marconi su energia solare, energia cosmica e anti-gravità. Lavorando in segreto e separatamente da qualunque governo del mondo, hanno costruito i loro motori privi di energia e aerei discoidi con la forma di un giroscopio anti-gravità.

Senza confermare queste voci, Tompkins ha dato loro plausibilità nella sua risposta ad un altro di domanda:

studi italiani [MS] di Marconi, erano in qualche modo associati con il Sud America? Ci sono state voci secondo cui Marconi sarebbe andato in Sud America per continuare a lavorare sul programma Flying Saucer italiano.

[WT] – L’ho sentito, ma non lo so di sicuro. Ma ho sentito che sì, c’erano un sacco di strutture sotterranee in Sud America.

In aggiunta alle sue sorprendenti rivelazioni circa un segreto programma spaziale italiano nella sua intervista rilasciata oggi su ExoNews TV, Tompkins ha fornito ulteriori dettagli circa le basi segrete in Antartide create dalla Germania nazista. La basi utilizzavano schiavi come forza lavoro prelevati da un certo numero di paesi nordici per risolvere la loro carenza di manodopera come ha spiegato.

[MS] Sai come i nazisti risolto i loro problemi di forza lavoro in Antartide? Nel libro si parla che avessero preso sette milioni di persone laggiù. Era un po’ come, il lavoro degli schiavi?

[WT] Sì, il lavoro degli schiavi.

[Salla] Sai se fossero in prevalenza di qualche [gruppo etnico], ci furono un sacco di persone scomparse in Europa, erano ebrei, molto colto …

[WT] Essi non avrebbe preso alcun ebreo vi garantisco, ma sì, prendevano persone provenienti da ogni parte. Molti da paesi nordici, Danimarca, Svezia, Norvegia, quel gruppo. Questi erano [geneticamente] vicino ai tedeschi.


Le ricostruzioni di Tompkins di quello che sentì nei resoconti delle spie della marina degli Stati Uniti durante il suo servizio segreto alla Naval Air Station, San Diego, 1942-1946, sono sorprendenti. La sua testimonianza è supportata da documenti che ha pubblicato che confermano che era di stanza presso la Naval Air Station durante la seconda guerra mondiale, con ordini di missione di diffondere tecnologie aeronautiche avanzate a selezionati gruppi di studio, imprese e università statunitensi.

La conclusione che emerge dalle ultime rivelazioni id Tompkins è molto significativa. Non solo le due maggiori potenze dell’Asse svilupparono veicoli a forma di disco volante altamente avanzati sulla base di tecnologie antigravitazionali rivoluzionarie, secondo le spie della Marina, ma le componenti civili che hanno guidato questi programmi furono in grado di trasferire i loro programmi più avanzati a postazioni remote, e quindi sfuggire alla destino dei governi nazisti e fascisti condannati in Europa durante la seconda guerra mondiale.

© Michael E. Salla, Ph.D.

La biografia di William Tompkins è disponibile su amazon

Fonte: exopolitics

http://ununiverso.altervista.org/blog/il-programma-spaziale-segreto-italiano-guidato-da-marconi/

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Ecco perché baciare fa bene alla salute

Sapevate che baciare è un toccasana per la