Il Nobel per la pace a Juan Manuel Santos: ma in Colombia non è vera pace

Il Nobel per la pace a Juan Manuel Santos: ma in Colombia non è vera pace

- in Mondo
431
0

È stato assegnato a Juan Manuel Santos, presidente della Colombia, il Nobel per la pace 2016: a lui il merito di aver aperto un dialogo con le Farc

Il prossimo 10 dicembre a Oslo, durante la cerimonia di consegna, Juan Manuel Santos riceverà il premio Nobel per la pace: il prestigioso riconoscimento gli è stato assegnato per il suo tentativo di porre fine alla guerra civile tra lo Stato colombiano e le Farc, le Forze armate rivoluzionarie della Colombia, un gruppo di guerriglieri fondato nel 1964. Questa la motivazione che ha permesso a Santos di ricevere il Nobel: “Suoi gli sforzi risoluti per porre fine alla guerra civile con le Farc”.

Il presidente colombiano ha accettato l’onorificenza, “in nome del popolo colombiano” e dedicando il Nobel per la pace a tutte le vittime provocate dal lungo ed estenuante conflitto che per oltre mezzo secolo ha dilaniato il Paese. Più che un riconoscimento, però, il Nobel sembra essere un segnale per spingere verso la distensione: la pace fra lo Stato e le Farc non è ben vista da tutti, colombiani in primis; nel referendum indetto per consultare i cittadini, la maggior parte di essi ha detto no ad un accordo con le forze armate rivoluzionarie.

Il dialogo intavolato da Santos, dunque, è appeso ad un filo e la pace momentanea è quanto mai precaria: il rischio che la guerra civile possa cominciare di nuovo è concreto e il cessate il fuoco dipenderà da come si evolveranno le trattative fra Santos e Rodrigo Londoño, leader delle Farc. L’assegnazione del Nobel al presidente colombiano ha dunque destato più di qualche critica.

La voce più autorevole è stata quella di Ingrid Betancourt, politica che nel 2002 venne rapita dalle Farc e rimase in ostaggio per più di 6 anni: a suo avviso, anche i guerriglieri avrebbero meritato il Nobel, non solo il presidente colombiano. Una dichiarazione che ha destato scalpore nel paese, visto soprattutto il passato della donna. Insomma, il Nobel per la pace si conferma un riconoscimento quanto mai controverso, la cui assegnazione genera accese discussioni; in passato lo hanno ricevuto figure come Henry Kissinger (il cui operato non è stato sempre orientato verso la pace) mentre non l’ha mai ricevuto Gandhi, paladino della non-violenza in difesa dei diritti civili.

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Ecco perché baciare fa bene alla salute

Sapevate che baciare è un toccasana per la