Il “Lander Philae” si risveglia dopo 7 mesi di black-out

157

L’agenzia spaziale europea (ESA) ha comunicato che il lander Philae, fatto atterrare sulla superficie della cometa 67P dalla sonda Rosetta, si è “risvegliato” e ha fatto rapporto nella notte tra sabato e domenica scorsa. I contatti si erano persi ormai da 7 mesi.


Tramite i pacchetti di dati trasmessi si è scoperto che il lander si era svegliato tempo prima, ma sinora non era riuscito a comunicare con la Terra.
Gli scienziati hanno già analizzato circa 300 pacchetti di dati inviati da Philae e sono in attesa di un nuovo contatto per ricevere i rimanenti 8000 presenti nella memoria del robottino.
Philae, alimentato ad energia solare, era rimasto operativo solamente per 60 ore prima che si perdesse ogni contatto lo scorso 15 novembre. Con solo 90 minuti di luce solare a disposizione ogni 12 ore (equivalenti alla durata del giorno sulla cometa 67P) non riusciva a ricaricarsi abbastanza velocemente e quindi, una volta esaurite le batterie, era andato in ibernazione. Gli scienziati hanno supposto che ora si trovi più vicino al Sole e che dunque questo abbia reso possibile il suo “risveglio”. In realtà non si sa ancora in che parte della cometa si trovi esattamente il piccolo lander, anche se il profilo Twitter di Rosetta ha postato numerose fotografie della superficie del corpo celeste e in base a queste potrebbe essere possibile individuarlo a breve.
Prima di andare in ibernazione Philae era riuscito a completare la prima fase della sua missione di ricognizione, raccogliendo campioni di terreno e inviando i dati alla Terra.
“Questa macchina è capace di lavorare perfettamente in condizioni estreme e siamo molto orgogliosi dell’incredibile successo scientifico.”, ha dichiarato nel blog del progetto Stephan Ulamec, il responsabile delle operazioni di Philae, che si è mostrato molto ottimista in merito alla missione, aggiungendo: “Il lander adesso è pronto per le operazioni: ha una temperatura di funzionamento di meno 35 gradi Celsius e ha a disposizione 24 Watt“.

Il team di BreakNotizie