Il grande negozio online cinese JD.com ha scelto la Russia per la propria espansione

Il grande negozio online cinese JD.com ha scelto la Russia per la propria espansione

- in Tecnologia
581
0

Il grande negozio online cinese JD.com (Jingdong Mall) ha scelto la Russia come primo mercato estero per la propria espansione.


Come annunciato da Victor Xu, amministratore delegato di JD.com, l’azienda si propone di divenire leader dell’e-commerce del mercato russo nel giro di 5 anni. JD.com ha inoltre in programma di lanciare entro il prossimo 18 giugno un sito web in lingua russa. “Abbiamo in programma di fornire inizialmente ai consumatori russi le migliori merci cinesi. Più avanti vorremmo rendere disponibili merci russe ai cinesi ed anche ad altri mercati, dando vita ad una graduale conquista“, ha dichiarato Victor Xu la scorsa settimana a Mosca alla stampa.
Secondo Xu il mercato russo è un buon obbiettivo, dal momento che gli utenti ad utilizzare internet sono circa il 70% della popolazione. I siti di e-commerce rappresentano il 3% dello spazio consumatori in Russia.
L’anno scorso l’e-commerce cross-border, ossia le vendite online all’estero, hanno raggiunto in Russia circa 4 miliardi di dollari. Più del 65% del commercio elettronico proviene da vendite transfrontaliere con la Cina, stando alle stime di JD.com.
Il rivenditore cinese online ha già firmato un contratto con l’operatore logicistico russo SPSR Express e ha inoltre annunciato che è pronto a collaborare anche con tutti gli operatori internazionali addetti ai servizi logistici di trasporto. JD.com prevede di sviluppare in un secondo momento dei propri sistemi di trasporto all’estero. Per ora il tempo minimo di consegna previsto per le merci è di non meno di 5 giorni.
JD.com è stata fondata nel 1998 ed è il secondo negozio online più grande in Cina dopo Alibaba. Dispone di 3 milioni di metri quadri di magazzini, circa 3 mila punti di consegna e 40 mila corrieri nazionali. È all‘undicesimo posto fra le più grandi società di e-commerce nel mondo.

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Anziani e bambini: quando ad accomunarli è il gioco

Cosa succede se si consente ai degenti di