Il conflitto nello Yemen si inasprisce con l’arrivo degli Usa

Il conflitto nello Yemen si inasprisce con l’arrivo degli Usa

- in Mondo
341
0
Fonte immagine: http://arabpress.eu/perche-loccidente-e-silenzioso-sulla-guerra-in-yemen/69258/

Un nuovo fronte di guerra vede coinvolti gli Stati Uniti, entrati con forza nel conflitto che tiene banco nello Yemen fra Arabia Saudita e tribù degli Houthi

Si è fatto più aspro il conflitto in Yemen fra Arabia Saudita e la tribù dei ribelli sciiti Houthi a causa del coinvolgimento degli Stati Uniti. Non che le forze americane fossero rimaste a guardare, finora: la coalizione che fa capo a Riad, impegnata nella battaglia contro i ribelli Houthi, era infatti appoggiata da Washington che comunque, almeno fino ad oggi, non ne faceva parte. Negli ultimi giorni gli Stati Uniti hanno deciso di entrare nel conflitto apertamente, con il lancio di vari missili Tomahawk sulle postazioni controllate dai ribelli.

Un intervento che ha inevitabilmente reso più cruento il conflitto, ma giustificato dagli americani come “autodifensivo”: gli Usa infatti hanno deciso di lanciare i loro missili in risposta agli ordigni che gli Houthi avrebbero scagliato contro il cacciatorpediniere americano “Masonche si trovava nei pressi delle coste dello Yemen. La tribù Houthi ha però categoricamente smentito di aver attaccato il cacciatorpediniere americano, gettando delle ombre sul diretto intervento Usa avallato da Obama in prima persona.

Gli Houthi, quindi, si ritrovano ora a doversi difendere non solo dall’Arabia Saudita, che per prima ha innescato la spirale di violenza che sta insanguinando lo Yemen, ma anche dagli Stati Uniti. Negli scorsi giorni oltre 150 persone che facevano parte della tribù sono state uccise da un raid aereo, che ha provocato oltre 600 feriti; fra i morti anche vari esponenti politici dell’area moderata della tribù, che auspicavano una soluzione pacifica del conflitto attraverso un negoziato.

Ma l’Arabia Saudita ritiene gli Houthi un’enclave iraniana nello Yemen, utilizzata dal regime di Teheran per creare instabilità nella zona e cercare di scalfire la supremazia saudita in quest’area strategica nel Medio Oriente. L’escalation di violenza delle ultime ore – prima il raid dei caccia sauditi, poi il bombardamento americano – ha innalzato il livello dello scontro, con il capo dei ribelli Houthi che ha promesso “vendetta” nei confronti della coalizione saudita-americana, che minaccia di fare una carneficina dei ribelli di religione sciita.

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Ecco perché baciare fa bene alla salute

Sapevate che baciare è un toccasana per la