Ibuprofene: ecco i rimedi naturali che lo sostituiscono

Ibuprofene: ecco i rimedi naturali che lo sostituiscono

- in Salute
554
0

Mal di testa e dolori di varia natura sono ormai all’ordine del giorno. In pochi, però, sanno che è possibile ricorrere a rimedi naturali in sostituzione del classico ibuprofene.

Com’è noto, quando si parla di ibuprofene si fa riferimento ad un derivato cosiddetto petrolchimico noto per le sue proprietà antidolorifiche, analgesiche e antinfiammatorie. Proprio l’ibuprofene viene utilizzato in moltissimi dei farmaci indicati per fare fronte a problematiche di carattere muscolare, articolare oltre che a dolori quali, ad esempio, mal di testa, mal di denti e dolori mestruali. Ciò che non si sa in merito all’ibuprofene, è che, stando ad alcuni studi, è stato collegato all’aumento piuttosto significativo del rischio di attacchi di natura cardiaca. Inoltre, gli effetti collaterali non sono affatto da sottovalutare. Tra questi ci sono, ad esempio, la perdita dell’udito, l’anemia, l’aborto spontaneo e l’ipertensione. Ma scendiamo più nel dettaglio e cerchiamo di scoprire quali sono i reali impatti di un utilizzo continuativo di questo farmaco.

img_quali_sono_gli_effetti_collaterali_dell_ibuprofene_5271_600

Al giorno d’oggi, le infiammazioni e, più in generale, i dolori sono all’ordine del giorno. L’industrializzazione, infatti, ha giocato un ruolo cruciale nello stato di salute di tutti noi e ci ha costretti a correre ai ripari. In alcuni casi, si ha la possibilità di fare fronte a dolori e infiammazioni anche solo modificando la propria alimentazione, tentando di ridurre lo stress o esponendosi il meno possibile a tossine di vario genere. Ciò, però, a volte non basta e, dunque, si è costretti a ricorrere ai farmaci che consentono di alleviare se non addirittura eliminare il dolore in pochissimi minuti. Una cosa che, però, non tutti sanno è che rinunciare all’ibuprofene è possibile. Grazie ad alcuni rimedi naturali, si ha la possibilità di stare alla larga dai farmaci, senza dover sopportare il dolore e evitando di dover gestire le eventuali conseguenze legate all’assunzione prolungata di farmaci a base, appunto, di ibuprofene.

Jengibre-500x325-500x325

Nel 2009 uno studio ha dimostrato che lo zenzero se assunto in capsule consente alle donne di alleviare in maniera importante i dolori premestruali, svolgendo una funzione principalmente antinfiammatoria. In tal caso, però, è necessario precisare che per fare in modo che funzioni bisogna assumere 4 capsule da 250 mg al giorno. Uno studio che risale al 2007, invece, ha dimostrato che l’arnica consente di combattere i dolori dovuti all’artrosi della mano. Gli effetti collaterali sono pressoché assenti e i benefici sono garantiti. Cosa dire, poi, di Ginko biloba, Astaxantina e della vitamina C? La combinazione di queste tre sostanze permette di ridurre in maniera sensibile eventuali infiammazioni alle vie respiratorie, alleviando i sintomi dell’asma. Ottimo antidolorifico è anche la Baicalina, un composto che si trova nella Scutellaria baicalensis, una pianta medicinale molto utilizzata in Cina. Anche l’olio extravergine di oliva è un valido sostituto dell’ibuprofene. Ad esso, infatti, vengono riconosciute proprietà antinfiammatorie importanti. In sintesi, se non si ha alcuna intenzione di dover fare i conti con le eventuali controindicazioni che l’ibuprofene porta con sé, non si ha che l’imbarazzo della scelta.

 

 

 

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

You may also like

Il risveglio dell’Uomo ed il ruolo dell’Amore universale

Il mondo è dominato dai poteri occulti che