I traumi nell’infanzia: come riconoscerli e superarli

I traumi nell’infanzia: come riconoscerli e superarli

- in Lifestyle
540
0

Ogni trauma vissuto nell’infanzia può condizionare la vita: ecco in che modo

L’infanzia è un periodo molto importante per la vita di ogni persona, in quanto in questi anni si assorbe ogni tipo di esperienza – positiva o negativa – che si faccia.
Vivere dei traumi nel corso dell’infanzia, di conseguenza, può minare l’equilibrio psicologico di una persona e quel naturale senso di fiducia che ci dovrebbe essere all’interno della famiglia. Un abuso fisico, psicologico o affettivo può causare dei segni e delle ferite che rimangono dentro una persona per tutto il resto della vita.
Quando un bambino vive numerose situazioni negative, stressanti, traumatiche, tende a chiudersi in sé stesso: è un meccanismo di difesa importante per sopravvivere, ma che non può essere mantenuto per sempre in quanto rischia di creare degli scompensi psicologici anche gravi che poi torneranno ad emergere durante l’età adulta, compromettendo la serenità della vita.

55cc46d36af575052d8b04a596716ea9

Le ferite psicologiche e mentali non si vedono, e possono restare sommerse anche per lunghi anni, ma se non vengono affrontate in maniera consona sono anche quelle che possono fare più male. Ogni bambino ha una memoria psichica, radicata profondamente dentro di sé, e che si tende a mascherare quando fa soffrire.
La sensazione di non essere amati, la solitudine, l’impotenza di cambiare la propria situazione ed i traumi possono condizionare così tutta la vita di una persona.
Ma in che modo, esattamente, un trauma vissuto durante l’infanzia (anche nell’inconscio) può segnare la vita di un soggetto?
Attraverso la sensazione di sfiducia nei confronti degli altri e della vita stessa; attraverso un forte senso di colpa, che accompagna la persona in ogni cosa e che gli fa credere che tutto quello che accade di negativo attorno a sé sia riconducibile alla sua responsabilità.
Le persone ferite e traumatizzate in genere hanno una scarsissima autostima, non si apprezzano e non si valorizzano, e sono chiuse nei confronti delle relazioni con altre persone, in quanto hanno paura di soffrire ancora l’abbandono, il tradimento o la solitudine.

trauma-infantile

Le persone ferite sono molto schematiche e rigide, hanno bisogno di controllare sempre tutto, sono insicure ed ansiose e spesso hanno paura di legami sentimentali troppo profondi.
Cambiare questo atteggiamento negativo non è scontato. Spesso si ha bisogno di qualcuno di qualificato che possa aiutare, e non bisogna avere paura o vergogna ad ammetterlo: i traumi non sono una propria colpa e per questo motivo non bisogna vergognarsi di chiedere aiuto.
Bisognerebbe imparare a lasciare andare il passato e ad aprire un nuovo capitolo della propria esistenza, lasciando alle spalle la paura. Costruire legami con le altre persone, anche pochi, ma profondi, e cercare di aprirsi senza timore di essere traditi. Ogni nuovo giorno può dare una possibilità diversa rispetto a ieri: capirlo può aiutare a ricominciare con serenità, senza farsi ancorare alle sofferenze del passato.

 

 

 

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

You may also like

Il risveglio dell’Uomo ed il ruolo dell’Amore universale

Il mondo è dominato dai poteri occulti che