I robot prenderanno il posto degli umani sul lavoro?

I robot prenderanno il posto degli umani sul lavoro?

- in Tecnologia
924
0

Man mano che lo sviluppo tecnologico avanza, la domanda si fa sempre più ricorrente: i robot saranno in grado di prendere il posto degli esseri umani sul lavoro? Al momento non esistono risposte certe, ma soltanto previsioni; è innegabile, però, che già da diversi anni le macchine stanno invadendo settori un tempo riservati esclusivamente agli umani.

All’interno di alcuni ospedali che si trovano nella Silicon Valley, ad esempio, a portare ai pazienti i pasti provvedono i robot, che sono capaci pure di distribuire medicine. Gli infermieri tradizionali? Ne sono rimasti pochissimi, gli altri sono stati rimpiazzati da questi robot-operai che costano circa 20 mila dollari e possono lavorare per un periodo di tempo di tre anni.
In molti hanno immaginato un futuro in cui saranno soltanto i robot a lavorare, sostituendo tutte le competenze degli esseri umani. E donne e uomini? L’ipotesi più pessimista, ma non così assurda, li vede disoccupati, privi di soldi e con tutta probabilità senza nemmeno un futuro. Al momento non è dato conoscere i numeri precisi circa la disoccupazione causata dall’aumento di utilizzo delle macchine negli uffici, negli ospedali e nelle fabbriche, ma ci si può fare un’idea andando a vedere i posti di lavoro “bruciati” e non rimpiazzati durante la crisi economica. A dispetto delle difficoltà, tante compagnie sono sopravvissute e ora che in fondo al tunnel si inizia a vedere un po’ di luce, gran parte di esse hanno ricominciato a fare profitti. I lavoratori licenziati, però, sono rimasti disoccupati, alimentando la convinzione che le aziende del futuro saranno altamente tecnologizzate e avranno bisogno di pochissima forza lavoro, con un personale ridotto all’osso.

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Anziani e bambini: quando ad accomunarli è il gioco

Cosa succede se si consente ai degenti di