I conti correnti “fantasma” delle banche Usa: lo scandalo Wells Fargo

I conti correnti “fantasma” delle banche Usa: lo scandalo Wells Fargo

- in Economia
462
0
Fonte immagine: https://www.investireoggi.it/finanza-borsa/wells-fargo-multa-record-usa-pratiche-illecite-casa-5300-dipendenti-scorretti/

Sono i conti correnti “fantasma” la nuova arma delle grandi banche per gonfiare l’attività finanziaria: una truffa per mantenere alte le quotazioni in borsa

L’ultima scoperta in fatto di truffe da parte delle grandi banche riguarda i conti correnti fantasma: di recente è stato svelato il “trucco” utilizzato dalla Wells Fargo, una fra le più importanti e antiche banche americane, che ha creato dal nulla circa un milione e mezzo di conti correnti intestati a clienti che non avevano mai aperto prima un conto presso quell’istituto ed erano all’oscuro di tutto. Ad aggiungersi ai conti correnti pure 500 mila carte di credito, anch’esse fantasma, dotate di codici pin falsi.

Gli autori della truffa sono oltre 5 mila impiegati del gruppo bancario che hanno deliberatamente messo in atto questi trucchi per gonfiare l’attività finanziaria della banca con il solo scopo di aggiudicarsi i buoni di produzione che vengono elargiti ai dipendenti in caso di risultati positivi da parte dell’istituto di credito, e con l’obiettivo di mantenere elevate le quotazioni azionarie della banca stessa.

Per quest’ultima ragione gli inquirenti sono giunti alla conclusione che la Wells Fargo potrebbe non essere l’unico grande istituto bancario ad utilizzare tali escamotage per gonfiare il “valore” della propria attività. Alla base di questo tipo di azioni illegali ci sono le storture del sistema finanziario ed economico, che pretende costantemente altissimi profitti dai big del settore bancario solo per mantenere un tasso di crescita che sia adeguato alla quotazione in borsa di ciascun istituto.

Un sistema malato che dà vita a truffe alle quali le grandi banche ricorrono anche perché le multe inflitte, una volta scoperti i giochetti, sono risibili: per questo scandalo, infatti, la Wells Fargo ha dovuto pagare appena 185 milioni di dollari di sanzione, che corrisponde a poco più del 3% del reddito della banca nel secondo trimestre di quest’anno; tale comparazione serve a far capire quanto sia stato minimo l’importo della multa per un gruppo bancario così grande. Non è andata male neppure all’amministratore delegato John Stumpf: è stato licenziato e dovrà pagare una multa di 41 milioni di dollari; cifra impossibile ma non per lui, che può ancora contare sul suo pacchetto azionario dal valore superiore a 100 milioni di dollari

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Ecco perché baciare fa bene alla salute

Sapevate che baciare è un toccasana per la