I 7 Chakra della Terra: i centri d’energia principali del nostro pianeta

I 7 Chakra della Terra: i centri d’energia principali del nostro pianeta

- in Spiritualità
1772
0

Esistono 7 luoghi speciali nel mondo, considerati sacri ai più,  dotati di un alto potenziale energetico: si tratta dei Chakra della Terra. Vediamo quali sono, dove si trovano e perché dovremmo visitarne almeno uno nella vita.

Il nostro pianeta è un essere vivente vibrante e cosciente, proprio come noi: potremmo infatti considerarlo come un grande organismo dotato di energia la quale fluisce attraverso i suoi principali chakra, che ne garantiscono vitalità e benessere. Questi vortici d’energia sono interconnessi grazie ad una fitta rete di circuiti chiamati linee Ley, un sistema a griglia noto sin dai tempi più antichi, e che è stato persino mappato. In passato la Terra veniva venerata come un’entità sacra e molti monumenti sono stati costruiti per celebrarla, soprattutto in corrispondenza delle aree con le più alte concentrazioni di energia, ovvero laddove sono presenti i chakra della Terra. Strutture celebri come le piramidi dell’America latina e dell’Egitto e Stonehenge, solo per citarne alcune, sono considerati dei potenti fulcri energetici. Visitando questi luoghi si può percepire contatto e sinergia con il nostro pianeta e percepirne lo straordinario flusso energetico. Ecco i luoghi più comunemente associati ai chakra della Terra e cosa rappresenterebbero a livello spirituale.

 

1° Chakra – Mount Shasta, California

Conosciuto come uno dei luoghi più sacri del pianeta, Mount Shasta nei secoli si è guadagnato l’appellativo di “montagna magica” e corrisponderebbe al primo chakra, Muladhara, o chakra della radice. Secondo tale interpretazione è qui che nascerebbe la forza vitale universale, da questo luogo ha origine la kundalini della Terra che scorre sino alla corona, l’ultimo chakra. Viene sovente associato al mito di Atlantide e molte leggende e racconti che sfumano nel mistero sono legati a questo imponente vulcano apparentemente spento.

2° Chakra – Lago Titicaca, tra Perù e Bolivia

Il più grande bacino dell’America latina viene considerato il secondo chakra della Terra, Svadhisthana, chiamato anche chakra sacrale. Questo centro d’energia viene associato al serpente piumato, elemento presente in molti antichi miti sudamericani. Disegnando questo chakra su un cartina mondiale rappresentandolo come un vortice, la sua circonferenza congiungerebbe i fiumi Maranon e Napo, in Perù, dove comincia il Rio delle Amazzoni. Questo enorme vortice include il cuore della catena delle Ande e altri siti importanti, reputati sacri, come Machu Picchu e Cuzco, parte integrante di questo chakra. La sua funzione primaria sarebbe quella di regolare l’introduzione di nuove specie e promuovere i maggiori avanzamenti dell’evoluzione della vita sulla terra.

3° Chakra – Uluru (Ayers Rock), Australia

Il più imponente massiccio roccioso dell’outback australiano, riconoscibile per la sua tipica colorazione vermiglia, corrisponde al terzo chakra della terra, denominato Manipura o chakra del plesso solare. La sua principale funzione sarebbe quella di mantenere alta la vitalità del pianeta e delle specie viventi che lo abitano. Secondo antiche leggende aborigene ad Uluru dovrebbe completarsi nel 2020 un rituale il quale scopo è quello di far evolvere il pianeta verso un piano più elevato, facendo scomparire per sempre la morte. Altra peculiarità di Uluru è quella di essere un gigantesco monolite la quale superficie scoperta, proprio come un iceberg, è solo una piccola parte del tutto: misura infatti 380 metri di altezza, ma ben 7 chilometri si trovano sotto la superficie terrestre. Secondo le teorie di alcuni scienziati, Uluru potrebbe essere ciò che resta di un’antica luna terrestre, molto simile al satellite marziano Phobos, caduta sulla Terra circa 3 miliardi e mezzo di anni fa e conficcatasi nel rudimentale scudo continentale australiano.

4° Chakra – Shaftesbury e Glastonbury, Gran Bretagna

Anahata, il chakra del cuore, si trova in corrispondenza di Glastonbury e Shaftesbury, conosciute rispettivamente per essere le supposte dimore del mitico Santo Graal e della lancia di Longino o lancia del destino, oggetto con il quale Gesù Cristo fu trafitto. Si pensa che se il chakra del cuore della Terra potesse espandersi nella sua pienezza, dolore, sofferenze e la morte diverrebbero solamente un ricordo. La funzione primaria di questo fulcro energetico è quella di sviluppare nelle forme di vita individuali la capacità di interagire con compassione ed amore. Questa zona della Terra è un crocevia molto attivo di linee Ley ed è interessante notare come si verifichino spesso degli alti livelli di anomalie magnetiche.

5° Chakra – Grande Piramide di Cheope, Monte Sinai e Monte degli Ulivi – Medio Oriente

La grande piramide di Cheope rappresenta uno dei punti principali del chakra della gola del mondo, chiamato Vishudda, collegato alla comunicazione in tutte le sue forme ed in particolare costituirebbe la voce della Terra. Gli altri punti sono il Monte Sinai ed il Monte degli Ulivi, punti di riferimento per la cultura ebraica, islamica e cristiana. Le ultime turbolenze accadute in Medio Oriente sarebbero “le grida della madre”, la Terra che invoca aiuto ma che in pochi paiono ascoltare, visto le guerre di religione che da sempre insanguinano questa parte del globo.

6° Chakra – Sconosciuto, Europa Occidentale

Non è noto il luogo esatto in cui si trovi questo centro di energia, che rappresenterebbe la “ghiandola pineale” del pianeta. Attualmente si troverebbe in Europa occidentale, alcuni ipotizzano nella zona di Stonhenge.  Il sesto chakra, Ajna, è conosciuto anche come “terzo occhio” ed è associato comunemente alla visione interiore, alle esperienze atte al risveglio e all’illuminazione. Questo chakra non è fisso, a differenza degli altri, ed è destinato a spostarsi ancora in futuro: la sua funzione è quella di consentire all’energia extra-dimensionale di fluire in questo mondo, mettendoci a contatto con altre realtà.

7° Chakra – Monte Kailash, Tibet

Il settimo chakra della Terra, quello della corona, chiamato in sanscrito Sahasrara, si trova sul tetto del mondo, in Tibet, precisamente nel Monte Kailash ed è il centro d’energia più potente. Ne è la prova anche l’alto livello di coscienza dei tibetani che abitano questo territorio. La sua funzione primaria risiede nel consentire l’unione completa fra lo scopo individuale e quello evolutivo della Terra, per celebrare l’eternità della vita.

Il Team di Breaknotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Gli 8 rimedi naturali ed efficaci per migliorare la circolazione del sangue

Migliorare la propria circolazione è fondamentale non solo