I 3 migliori rimedi naturali contro la pressione alta

I 3 migliori rimedi naturali contro la pressione alta

- in Salute
322
0

La natura può venirci in aiuto per combattere la pressione alta: vediamo insieme tre piante efficaci contro questo disturbo.

Gli effetti legati alla pressione alta non vanno sottovalutati poiché potrebbe sfociare in patologie importanti e condurre a complicazioni come infarti ed ictus. L’ipertensione in genere si manifesta attraverso sintomi poco chiari e facilmente associabili ad altri disturbi, come senso di spossatezza, perdita di equilibrio e ronzio alle orecchie. Talvolta la causa scatenante può essere anche uno stato emotivo, accompagnato da difficoltà respiratoria e stato ansioso. Esistono tuttavia dei rimedi naturali per ovviare a questo disturbo, specie se si tratta di episodi sporadici. Così oltre ad adottare una dieta equilibrata, povera di sale, e cercare di mantenere il proprio peso forma, sono tre le piante principali alle quali si può ricorrere per stabilizzare i propri livelli di pressione arteriosa. Vediamo quali sono.

Biancospino. Il biancospino è una delle piante cardioregolatrici più efficaci poiché svolge un’azione vasodilatatrice ed antiaritmica, oltre ad essere un blando sedativo. Queste caratteristiche lo rendono uno dei rimedi naturali più indicati per combattere l’ipertensione, specialmente nei casi in cui questa sopraggiunga in seguito a momenti critici, stati d’ansia o di tensione nervosa. Il suo effetto vasodilatatore agisce sulle pareti delle arterie e delle coronarie, rilassandole e dilatandole: in tal mondo il sangue fluisce più facilmente ed ossigena maggiormente i muscoli, cuore incluso. Il biancospino può essere assunto in associazione con i farmaci prescritti per l’ipertensione senza problemi poiché non interferisce con la loro azione, sebbene sia importante consultare il proprio medico per decidere quale sia il dosaggio più adatto da assumere a seconda delle proprie necessità.

Ulivo. Le foglie di ulivo hanno un potente effetto drenante sui reni. Questi organi, insieme al cuore, svolgono un ruolo centrale per quanto riguarda la pressione arteriosa: per mezzo delle urine infatti l’organismo si libera dalle scorie, fra cui anche il sodio e gli zuccheri in eccesso, pertanto il sangue viene ripulito e, in assenza di particolari patologie, la pressione arteriosa mantiene livelli ottimali. Inoltre, i principi attivi contenuti nelle foglie d’ulivo, in modo particolare l’oleuroposide, sono capaci di ridurre la pressione arteriosa sia favorendo la dilatazione dei vasi sanguigni periferici, sia agendo sul metabolismo del rame (presente in alcuni enzimi responsabili della pressione). Hanno inoltre un’azione ipolipemizzante ed antisclerotica: in virtù degli acidi grassi polinsaturi, le foglie dell’ulivo riducono i livelli di colesterolo cattivo, una delle cause principali della formazione di trombi e placche. Le foglie, una volta essiccate, possono essere assunte sotto forma di decotto o di tisana.

Aglio. L’aglio è considerato il farmaco naturale per eccellenza contro l’aterosclerosi, vale a dire la formazione di placche di colesterolo nelle pareti delle arterie. Come il biancospino e le foglie di ulivo è un efficace vasodilatatore ma la sua peculiarità è l’alto tasso di allicina in esso contenuta, principio attivo che limita l’aggregazione delle piastrine, fattore che può causare ictus, infarti e trombosi. Piccoli quantitativi di aglio, meglio se crudo, possono essere consumate ogni giorno, magari inserite all’interno di una dieta variata oppure si possono assumere tramite delle perle oleose reperibili in erboristeria che contengono il principio attivo dell’aglio.

Il Team di Breaknotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

4 tecniche per ricordarti delle tue vite passate

Le vite vissute prima di quest’ultima incarnazione possono