Gruppo di Rom occupa una masseria e la distrugge prima dello sgombero

Gruppo di Rom occupa una masseria e la distrugge prima dello sgombero

- in Italia
1025
0
Fonte immagine: http://www.leccenews24.it/attualita/-8203-i-rom-che-avevano-occupato-la-masseria-sono-andati-via-tutti-tranne-uno-ma-ha-fatto-le-valigie.htmFonte immagine: http://www.leccenews24.it/attualita/-8203-i-rom-che-avevano-occupato-la-masseria-sono-andati-via-tutti-tranne-uno-ma-ha-fatto-le-valigie.htm

Nel Salento un nutrito gruppo di Rom ha occupato in maniera abusiva per molti mesi una masseria e, prima di lasciare l’area, ha devastato tutto quanto

Per svariati mesi un gruppo di Rom ha occupato in maniera abusiva una masseria nel Salento, di proprietà di un uomo di 76 anni che all’improvviso si è visto precluso l’ingresso nel suo edificio. Dopo una lunga battaglia legale, l’uomo è riuscito a rientrare in possesso dello stabile e il gruppo composto da decine di Rom – fra cui anche bambini e donne – ha abbandonato la proprietà. Prima di lasciare la masseria, però, i Rom hanno distrutto tutto, lasciando la zona in condizioni di totale degrado.

I nomadi hanno lasciato spontaneamente la masseria, ma un decreto di sgombero nei loro confronti era già stato emesso, e si sono spostati a Marina di Lecce, per la precisione a Torre Chiancà, dove hanno occupato un altro edificio, una villetta di proprietà di un privato. L’odissea appena conclusasi per Luigi Marzo, 76enne proprietario della masseria, potrebbe essere solo agli inizi per qualcun altro. Per il momento sono cominciati gli accertamenti da parte dei vigili urbani e del comune sulla nuova occupazione, ma prima di vedere uno sgombero potrebbero passare molti mesi.

img9356

Gli stessi che ha dovuto attendere Luigi Marzo, rientrato in possesso solo pochi giorni fa dello stabile che aveva ricevuto in eredità dalla sorella. Le sue parole sottolineano la devastazione che i Rom hanno lasciato alle loro spalle, distruggendo tutto ciò che stava all’interno della proprietà e compromettendo le condizioni igienico-sanitarie dell’area, tanto che le forze dell’ordine avevano pensato di metterla inizialmente sotto sequestro.

Il legittimo proprietario ha fatto notare che è stata addirittura demolita una parte della struttura e che i danni sono piuttosto consistenti. “Chi pagherà per quello che è stato rovinato?” si è chiesto sconsolato Marzo, facendo la conta di tutto quello che è andato distrutto durante l’occupazione abusiva da parte dei nomadi. Grande preoccupazione per i proprietari della villetta che è stata occupata dopo lo sgombero dalla masseria, che temono di subire la medesima sorte.

 

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Telefonini e smartphone: è pericoloso averli a “contatto”?

La recente sentenza del Tribunale di Ivrea ha