Gli USA finanziano l’ISIS: La rivelazione di Yousaf al Salafi, comandante pachistano del gruppo terrorista

Gli USA finanziano l’ISIS: La rivelazione di Yousaf al Salafi, comandante pachistano del gruppo terrorista

- in Mondo
1204
0

Di Salvatore Santoru

Che l’ISIS fosse stato aiutato nella sua ascesa dagli USA in molti lo sospettavano e già l’ex marine statunitense Kenneth O’ Keefe aveva affermato che il gruppo terrorista era una “creazione” degli States, ma ora si ha anche una conferma assai autorevole, direttamente da Yousaf al Salafi, comandante pakistano ISIS.


Al Salafi, arrestato dalle forze di sicurezza pakistane durante un’operazione anti-terrorismo, ha ammesso di ricevere fondi dall’America per strutturare l’organizzazione e reclutare giovani pakistani da impiegare in Siria.
B74N2p4CUAIAoy3
Tale notizia è stata data dal quotidiano pakistano “The Express Times” (quotidiano legato al New York Times) e in seguito ripresa da diversi media internazionali, tra cui il quotidiano statunitense “International Business Times”, “Russia Today” e in Italia da “il Giornale” con un articolo di Fabio Franchini.

Tale “rivelazione” va ad aggiungersi alle altre affermazioni, tra cui quella del ministro dello Sviluppo tedesco Gerd Mueller e del vice-segretario Usa al Tesoro con la responsabilità dell’Intelligence e la lotta al terrorismo USA David Cohen, secondo cui il gruppo terrorista è stato finanziato dal Quatar, che insieme all’Arabia Saudita ( altro paese che ha finanziato ISIS stando alle parole dell’ex presidente iracheno Nuri Al Maliki, dimessosi dopo la presa di potere dell’ISIS nel paese ) è uno dei migliori alleati degli USA nel Medio Oriente.

Unknown
Alla luce di queste importanti affermazioni, si può constatare quale sia la “vera natura” dell’ISIS, di questo gruppo islamista che sta seminando il terrore in buona parte del Medio Oriente e del Nord Africa ( e sembra prossimamente in Europa ), ovvero di un’organizzazione terroristica assai potente utilizzata come “braccio armato” dai regimi del Golfo e dagli strateghi dell’imperialismo USA, per eliminare gli ostacoli “religiosi” per i primi ( stati laici come Libia e Siria o sciiti come l’Iran ) e geopolitici per i secondi, gli stessi paesi più eventualmente la Russia ( più volte minacciata dai terroristi ISIS) e l’Europa se tenta di disobbedire agli ordini di Washington e ai diktat della NATO ( come ha già fatto la Francia, revocando le sanzioni ai russi ai primi di gennaio, e vuole fare la Germania ).

 

 

http://ununiverso.altervista.org/blog/gli-usa-finanziano-lisis-la-rivelazione-di-yousaf-al-salafi-comandante-pachistano-del-gruppo-terrorista/

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Lettera a Berlusconi, a Salvini e alla Toffa

QUATTRO PRECISE CONDIZIONI PER VOTARE FORZA ITALIA Commenti