Gli 8 libri da rileggere più volte nella vita

Gli 8 libri da rileggere più volte nella vita

- in Lifestyle
290
0

Esistono quei libri che, riletti a distanza di tempo, sono sempre capaci di regalarci nuovi spunti, nuove emozioni ed insegnamenti in base al momento che stiamo vivendo. Ve ne suggeriamo 8.

Si dice che i libri veramente grandi siano quelli che possono essere letti più volte nel tempo traendone sempre nuovi insegnamenti. Esistono in effetti dei libri talmente profondi, complessi e strabordanti che per essere colti nella loro essenza necessitano di differenti letture, magari a distanza di tempo. Ogni volta che li si prende in mano è un piacere nuovo ed il significato può cambiare a seconda del momento che stiamo vivendo. Alcuni libri addirittura maturano insieme a noi e leggendoli dopo tanto tempo li si osserva da angolazioni del tutto diverse. Si tratta, per esempio, di libri che spesso vengono classificati come letture per ragazzi ma in realtà il loro significato si dipana su più livelli ed hanno molte cose da insegnare anche agli adulti. Ecco alcuni fra i titoli più letti e conosciuti che sicuramente meritano una rilettura. E se rimarrete delusi dopo averli ripresi in mano, non disperate: significa che il vostro gusto o il vostro punto di vista è cambiato, ed anche questa è una scoperta utile.

Il Piccolo Principe. Potremmo ormai considerarlo fra i classici della letteratura per ragazzi, fra i più letti ed amati non soltanto dai più piccoli. Rileggerlo da adulti farà cogliere molte più sfumature della storia e le numerose metafore disseminate per tutto il racconto: dagli abitanti dei pianeti vicini a quello del Piccolo Principe sino al concetto dell’addomesticamento e le figure della volpe e della rosa.

L’Alchimista. Questo libro contiene i tre ingredienti chiave delle storie di Paulo Coelho: i sogni, la magia ed il viaggio. Il protagonista della storia, Santiago, fa un sogno ricorrente: delle piramidi che nascondono un antico tesoro. Il lungo viaggio che il ragazzo compie alla sua ricerca non è altro che un’allegoria della vita in generale e delle sfide che occorre affrontare per crescere e trovare quel tesoro.

Il gabbiano Jonathan Livingstone. Il racconto di questo romanzo breve è un inno alla libertà. Jonathan è un gabbiano diverso dagli altri: capisce che c’è molto di più oltre al semplice procacciarsi il cibo e vivere alla giornata. A lui interessa soltanto il volo e spiegherà ai suoi simili quanto esso sia fondamentale per la libertà e per esplorare nuovi mondi. Quante volte, una volta cresciuti, vi siete sentiti come lui?

Alice nel Paese delle meraviglie. Alice è una bambina dotata di una grande immaginazione che trova il mondo degli adulti troppo serio e rigido e ne crea uno tutto suo, di sogno, dove “tutto è come non è” e ogni tipo di certezza e logica crollano. Rileggere da adulti questo libro può farvi scoprire un vero e proprio tesoro letterario a metà fra linguistica, nonsense, paradosso e filosofia, con osservazioni molto profonde sull’esistenza umana.

Cent’anni di solitudine. Il capolavoro di Gabriel García Márquez mescola dettagli della quotidianità e della realtà politica dell’America Latina con eventi soprannaturali ed elementi magici, fra cui anche fantasmi che fanno visita ai protagonisti della storia, la famiglia Buendía, residente a Macondo, villaggio immaginario della Colombia. Rileggerlo è sempre una nuova avventura, un immergersi in atmosfere lontane ed oniriche. Perdersi ogni volta in questo labirinto di storie finché realtà, spazio e tempo perdono importanza è d’obbligo.

Il vecchio e il mare. La trama di questo capolavoro di Ernest Hemingway è piuttosto scarna, ma possiede una forza narrativa incredibile: in poche pagine è racchiusa la vita di un pescatore e, metaforicamente, la vita di ognuno di noi. Nel romanzo si ritrovano infatti la speranza, la voglia di rivalsa, la lotta contro il destino ed il rispetto profondo per la natura: la scena madre della lotta fra il vecchio e il gigantesco Marlin non è infatti presentata come una barbarie ma come la vicenda di due entità che lottano con dignità e fino all’ultimo istante contro il proprio destino. Le sfumature dell’animo umano si colgono senza parlarne mai in maniera diretta: tutto è fra le righe, ma ogni volta questa storia emoziona e fa riflettere.

La profezia di Celestino. Si tratta di un romanzo di iniziazione che offre differenti chiavi per l’interpretazione dell’esistenza. È una storia avventurosa, in cui il protagonista deve trovare nove “chiavi” necessarie per il risveglio e l’evoluzione spirituale e per fare ciò sarà portato non solo ad incrociare nuovi personaggi lungo il suo cammino, ma a fare i conti con se stesso, col suo passato ed il suo presente, rianalizzando la propria vita, i propri comportamenti e le proprie emozioni sotto una nuova luce. È un libro da rileggere soprattutto quando dimentichiamo “chi siamo” immersi nella nostra routine quotidiana.

Siddharta. È uno dei romanzi di formazione più celebri al mondo: Herman Hesse mette al centro le avventure del Buddha sin dalla sua giovinezza, con tutta l’ansia della ricerca di se stesso, la volontà di cambiare la propria vita in meglio e le sfide necessarie alla crescita. Rileggere questo libro comunicherà ogni volta qualcosa di nuovo e di diverso.

Il Team di Breaknotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Codacons: altro che crisi, affari per 8 miliardi di euro per astrologi e maghi

Il settore dell’occulto non conosce crisi in Italia: