Gelato a colazione: una carica di energia per il tuo cervello!

Gelato a colazione: una carica di energia per il tuo cervello!

- in Alimentazione
896
0
img_2519019724982823.jpg

Mangiare del gelato a colazione permetterebbe di cominciare la giornata con una marcia in più: ad affermarlo un recente studio giapponese.

Siete dei cultori della tradizionale colazione all’italiana al bar con cappuccino e cornetto o siete più per il salutismo e al mattino preferite consumare frutta, cereali e yogurt? Ebbene, dovrete ricredervi: la colazione perfetta si fa… col gelato!
Questa la conclusione alla quale sono giunti alcuni ricercatori appartenenti all‘Università Kyorin di Tokyo, sotto la guida del docente Yoshihiko Koga, secondo il quale il gelato sarebbe addirittura meglio della caffeina per rendere il cervello subito reattivo dopo la sveglia.

Durante lo studio si è infatti osservato che le persone che avevano mangiato il gelato appena sveglie avevano poi mostrato una maggiore lucidità mentale e concentrazione, nonché tempi di reazione più veloci rispetto alle persone che non avevano mangiato nulla. Il campione di persone che si è sottoposto a questo semplice esperimento del professor Koga doveva consumare tre cucchiai di gelato per colazione, appena sveglio, e di seguito cercare di completare una sequenza di esercizi di logica al computer. Durante la prova le onde cerebrali dei volontari venivano adeguatamente misurate ed è in tale frangente che il team di ricercatori giapponesi ha rilevato un incremento delle onde alfa, associate al coordinamento, al rilassamento mentale e alla concentrazione. Come controprova, per verificare che questo brain boost non fosse soltanto l’effetto della temperatura molto bassa del gelato, è stato sottoposto ai medesimi test anche un altro gruppo di volontari, al quale però era stata fatta bere semplice acqua gelata al risveglio. Il risultato della disamina è stato che il miglioramento delle prestazioni mentali era comunque molto maggiore in chi aveva consumato il gelato.

Nonostante questi risultati incoraggianti, alcuni biologi nutrizionisti hanno mostrato un certo scetticismo di fronte allo studio del professor Koga, specializzato, tra l’altro, in psicofisiologia. Secondo la dottoressa Katie Barfoot, per esempio, i risultati di questa ricerca erano facilmente intuibili a priori semplicemente per il fatto che un gruppo di volontari aveva mangiato a colazione mentre l’altro no. Il cervello, per “ripartire” al mattino necessita di glucosio ed il gelato, come tutti sanno, è un alimento che di zucchero ne contiene in abbondanza. Probabilmente tali conclusioni non erano così scontate, considerando anche il fatto che in Giappone la colazione è tipicamente salata.

Tolte queste peculiarità di carattere culturale, occorre dire che il gelato, consumato saltuariamente, è sicuramente un’ottima alternativa a caffè e brioche: oltre a rendere il cervello più reattivo al mattino, favorendo concentrazione e coordinazione, fornisce anche vitamina B e calcio, con un effetto positivo sul metabolismo dei globuli rossi e sul sistema nervoso. A differenza della brioche, ricca di farine raffinate, permette di evitare i picchi glicemici e mantiene il senso di sazietà ed appagamento più a lungo. Il gelato artigianale alla frutta, inoltre, mette anche a disposizione vitamine ed antiossidanti, mentre quelli al pistacchio e alla nocciola forniscono preziosi acidi grassi omega 3, efficaci contro gli effetti dell’invecchiamento a livello cellulare. Ancora scettici? Fate la prova voi stessi: mettete da parte il caffè per una mattina e lasciatevi tentare da una gustosa pallina di gelato!

 

 

 

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

You may also like

130 famiglie lasceranno l’Italia per dire no al vaccino

In Trentino Alto Adige è nato il fronte