Ferrari domina in Malesia, qual è il segreto di Vettel?

Ferrari domina in Malesia, qual è il segreto di Vettel?

- in Motori
1225
0

Dopo un digiuno durato quasi due anni, la Ferrari riassapora il gusto della vittoria grazie al perentorio successo conquistato da Sebastian Vettel in Malesia. Un trionfo frutto di una netta superiorità in pista che ha riportato la scuderia di Maranello indietro nel tempo, ai fasti dell’epoca d’oro di Michael Schumacher. Siamo all’alba di una nuova stagione di trionfi? È ancora presto per affermarlo, ma il ritrovato binomio Rossa-pilota tedesco è partito con il piede giusto.


Alla vigilia del Gran Premio di Malesia a Sepang era difficile ipotizzare un successo del genere, con Vettel in grado di superare con una certa facilità le Mercedes in pista ed involarsi verso la vittoria. In tanti, dunque, hanno cominciato a chiedersi quale sia il segreto che ha permesso alla Ferrari di ritrovare competitività in così poco tempo, alla luce anche della disastrosa stagione 2014. Un unico segreto, in realtà, non c’è: la Rossa di nuovo in vetta è il frutto del duro lavoro di una squadra che ritrovato unità d’intenti dopo la rivoluzione voluta da Marchionne; a ciò bisogna aggiungere la voglia ed il talento di un pilota in cerca di riscatto dopo una stagione in ombra alla Red Bull. Vettel, sbarcando a Maranello, ha sposato in pieno la causa Rossa, tuffandosi nel lavoro con la meticolosità che lo ha sempre contraddistinto. In questo ha ricordato, a coloro che lo avevano vissuto da vicino, proprio Michael Schumacher. Da tifoso della Ferrari – come si è presentato al suo arrivo – ha riportato entusiasmo in un ambiente depresso da stagioni avare di successi e si è caricato sulle spalle la squadra, affermandosi come leader in grado di riportare tutti alla vittoria. Cosa che è accaduta in appena due gare. Per parlare di titolo mondiale è presto, ma il successo malese di Vettel ha autorizzato almeno i tifosi a sognare in grande.

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Anziani e bambini: quando ad accomunarli è il gioco

Cosa succede se si consente ai degenti di