Evasione fiscale inferiore alla media dei paesi OCSE

31

Se in Italia ci fosse una forte evasione fiscale, la maggiore dei paesi industriali come ti dicono, non avremmo l’economia più depressa del mondo industriale.

E’ un fatto ovvio, se tu aumenti le tasse, ma l’evasione fiscale resta ampia, molto reddito sfugge e quindi la gente avrebbe da spendere una bella quota di reddito “in nero”, sommerso, che però si manifesta “in chiaro” nei dati dei consumi. Tutti ‘sti evasori com’è che non consumano più ?

Qui l’economia sta contraendosi di un -3% di PIL, il consumo di elettricità ad es. cala del -4%, i consumi privati collassano di quasi un -5%, MENTRE LE ENTRATE FISCALI DELLO STATO SONO AUMENTATE del +3% o +4% ! (il dato degli ultimi 12 mesi è +4% e quello degli ultimi 9 mesi è +3% per le entrate dello stato).

Io da sempre leggo molti dati e credo di non aver mai visto un paese in cui reddito nazionale crolla di quasi il -3% i consumi delle famiglie del -5% e allo stesso tempo le entrate dello stato aumentano di più del +3%. Il fatto che il governo aumenti IVA e altri balzelli di per sè NON fa aumentare le entrate fiscali totali quando il reddito si contrae. Solo in Italia le entrate aumentano lo stesso.

Questo andamento dimostra, da solo, che l’evasione fiscale oggi è fisiologica, inferiore alla media dei paesi industriali. Il problema non è se esista, perchè esiste ovunque da sempre, ma se sia superiore alla media OCSE, tenuto conto del fatto che IL PRELIEVO SUL REDDITO DICHIARATO IN ITALIA E’ 9 PUNTI percentuali SOPRA LA MEDIA OCSE.

Basta guardare i numeri aggregati per capire che IN ITALIA C’E’ UN’EVASIONE FISCALE INFERIORE ALLA MEDIA DEI PAESI INDUSTRIALI (dei 20 paesi OCSE, non della Germania e basta come unico termine di riferimento). Quando hai un crollo del reddito, prodotto nazionale e consumi che è il maggiore dal 1940 in % ed il maggiore del mondo industriale e allo stesso tempo le entrate fiscali aumentano più che negli altri paesi è evidente che la tua evasione è inferiore alla media.

E del resto quando hai decine di migliaia di negozi, esercizi, artigiani, piccole imprese e partite iva varie che chiudono questo dimostra che l’evasione fiscale è poca, che basta alzare un poco le tasse e non hanno margine. Ma poi c’è un fatto clamoroso che mai nessuno nota e cioè che:

NEGLI ALTRI PAESI DEL MONDO NON ESISTONO:
registratori di cassa obbligatori omologati
obbligo di libro IVA fornitori e fatture
studi di settore,
redditometri,
obbligo di conti separati aziendali e personali
limiti all’uso del contante
altri indicatori di reddito presunto …
Queste cose esistono solo in Italia (forse in Germania qualcosa, perchè i tedeschi vogliono sempre la documentazione di tutto…)

Ad esempio in America un ristorante, una lavanderia, un’officina, un negozio qualunque non ha nessuno di questi obblighi, niente scontrini, niente libri IVA, niente redditometri, studi di settore ecc.. nada. Secondo voi non avendo lo stato tutti questi strumenti evadono di più o di meno che da noi ? Tenete presente che quando c’è un’ispezione consiste nel chiedere l’invio per posta all’IRS di pezze giustificative del reddito dichiarato, ma senza parametri precisi per la documentazione da presentare cioè gli mandi tutto quello che più o meno può servire con un margine di errore molto ampio. E non tiriamo fuori la storia della “.. mentalità degli americani è diversa perchè pagare le tasse per loro è un dovere civico…” che a New York o Los Angeles la popolazione proviene da ogni angolo del mondo oggi, sono indiani, afro-americani, libanesi, armeni, cinesi, cubani, ebrei, russi, persiani, filippini, messicani…tutta gente che nel sangue ha l’evasione fiscale e quelli di origine anglosassone (che hanno il senso innato delle regole…) sono meno del 30%.

Siete stati a Londra negli ultimi anni ? Avete notato che interi quartieri oggi sembrano parte del Medio Oriente o Asia ? Secondo voi le migliaia di negozi e attività gestite da pakistani, indiani, cinesi, iraniani, libanesi, russi ecc… evadono di più o di meno di quelli dei milanesi o bolognesi qui da noi ?

E’ incredibile il lavaggio del cervello che subiamo in Italia per l’evasione fiscale, siamo il paese in cui si pagano più tasse al mondo anche in assoluto ora “Fisco: Ocse, in 2011 prelievo sale al 34% Pil, Italia al 43% (non solo rispetto ai servizi forniti dallo stato …) e ancora la maggioranza pensa che bisogna spremere “qualcun altro” che non paga a sufficienza.

Fonte: cobraf.com