Esplosioni in stabilimenti in Germania: allarme nube tossica

Esplosioni in stabilimenti in Germania: allarme nube tossica

- in Mondo
333
0

Due esplosioni si sono verificate nelle scorse ore in alcuni impianti della Basf: il bilancio è di un morto e 7 feriti. Scatta l’allarme nube tossica

Due esplosioni nel giro di poche ore hanno gettato nel panico due cittadine tedesche, Lampertheim e Ludwigshafen, e hanno riguardato entrambe impianti chimici della Basf. Il bilancio è pesante fin dalle prime informazioni: si parla infatti di un morto, 7 feriti e varie persone disperse. Le autorità hanno tenuto a precisare che l’allarme nube tossica al momento non è fondato, eppure hanno invitato i cittadini di Ludwigshafen a non uscire di casa e chiudere finestre e porte.

Gli incidenti, la cui tempistica aveva messo in allerta le forze dell’ordine tedesche, non sembrano riconducibili ad atti di terrorismo e subito si sono messe in moto le misure di sicurezza per via delle sostanze tossiche rilasciate dai fumi. L’area coinvolta dall’allarme si estende per buona parte del fiume Reno e ha coinvolto circa 21 mila persone, alle quali è stato raccomandato di chiudere porte e finestre delle proprie abitazioni e degli uffici e di non utilizzare gli impianti di condizionamento.

La Basf ha subito interrotto ogni attività industriale nelle aree interessate dalle esplosioni per ragioni di sicurezza e favorire le operazioni di soccorso. La più grave delle due esplosioni è stata quella di Ludwigshafen, cittadina che si trova tra Francoforte e Stoccarda, i cui fumi hanno coinvolto diversi quartieri limitrofi sino a raggiungere alcune frazioni di Mannheim.

I vigili del fuoco intervenuti hanno dovuto fare i conti con problemi agli occhi e alla respirazione proprio a causa dei fumi sprigionatisi nell’aria dopo l’incidente. Le misurazioni, ancora in corso, nelle prime ore non hanno rilevato tracce di sostanze tossiche nell’aria. L’esplosione di Lampertheim è avvenuta nei pressi del porto fluviale ed è stata più semplice da gestire per i soccorsi. Quattro operai che lavoravano alle tubature nelle quali si è verificato l’incidente sono rimasti feriti e sono stati trasportati in ospedale. In questo caso non è stato lanciato l’allarme nube tossica poiché i materiali coinvolti nell’esplosione sono principalmente additivi plastici e liquidi infiammabili.

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Ecco perché baciare fa bene alla salute

Sapevate che baciare è un toccasana per la