Elisa, l’anima soul della musica italiana

Elisa, l’anima soul della musica italiana

- in Musica
701
0

Elisa è senza dubbio la protagonista indiscussa della musica leggera in Italia negli ultimi vent’anni: con oltre tre milioni di copie vendute nel mondo, la cantante triestina è un’interprete intensa e dalla voce soul, ma anche un’artista capace di scrivere i propri testi e di comporre le musiche dei suoi successi discografici.

Elisa nasce a Trieste il 19 dicembre del 1977 e si avvicina alla musica ascoltando band come i The Doors e cantanti del calibro di Aretha Franklin. Si dedica al teatro e alla pittura e, a soli undici anni, compone già i suoi primi brani. Il talento precoce e la voglia di dedicarsi alla musica le consentono di iniziare la sua scalata verso il successo: nel 1993, durante un provino, incontra Caterina Caselli, indimenticabile cantante degli anni Sessanta e interprete di brani come Nessuno mi può giudicare, che decide di darle una possibilità producendo le sue prime canzoni.

Bisognerà aspettare il 1997 e l’uscita di Pipes & Flowers, il primo album di canzoni inedite per capire le potenzialità di Elisa. Da brani soul come Sleeping In Your Hand e Labyrinth, a Cure Me, una tenera ballata che le consente di vincere la Targa Tenco, il talento esplosivo di Elisa ottiene consensi unanimi da parte della critica. Il successo si ripete tre anni dopo con Asile’s World (2000): i pezzi sono registrati ancora una volta in inglese e, in questo suo nuovo lavoro discografico, la cantante si racconta attraverso brani più intimisti come Gift e Happiness Is Home. Ma nel febbraio del 2001 partecipa al “Festival di Sanremo” e trionfa con il brano Luce (Tramonti a Nord-Est), una canzone scritta e composta da Zucchero e che sarà poi contenuta in una seconda edizione di Asile’s World.

Negli anni Duemila Elisa realizza alti tre album di grande successo: Then Comes the Sun (2001), Lotus (2003) e Pearl Days (2004), un disco prodotto dal grande Glen Ballard e registrato in California. Il singolo Together è il vero pezzo forte di questo nuovo lavoro, una canzone dal sound più maturo rispetto al passato. Nel 2006 si esibisce alla Cerimonia dei Giochi Olimpici di Torino e, insieme a Pino Daniele, partecipa alla Notte Bianca in Piazza di Siena nella città di Roma.

Due anni dopo, nel 2008, si dedica al teatro dirigendo il musical Hair e, l’anno seguente, pubblica nei negozi Heart (2009), un album dalle sonorità più rock e con brani come Mad World e Ti vorrei sollevare. Dopo Ivy (2010) realizza L’anima vola (2013), il suo primo disco di canzoni incise completamente in lingua italiana: i brani che compongono questo suo lavoro sono scritti da Elisa che, oltre a suonare la tastiera, cura anche gli arrangiamenti musicali e la chitarra acustica, mentre la canzone Ancora qui si avvale della collaborazione di Ennio Morricone.

Nel 2015 sorprende i fans partecipando al talent show “Amici”: nel programma di Maria De Filippi diventa il coach della Squadra Blu e collaborerà a costruire il successo di Stash e dei The Kolors. Nel settembre dello stesso anno Elisa si sposa con il chitarrista Andrea Rigonat, il padre dei suoi due figli, Emma e Sebastian.

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

You may also like

Anziani e bambini: quando ad accomunarli è il gioco

Cosa succede se si consente ai degenti di