Edilizia e bioarchitettura: ecco come evitare le influenze negative

81

Di sicuro, ai più attenti e sensibili non sarà sfuggito il fatto che in alcuni ambienti si è più rilassati ed in altri, invece, si è più insofferenti.

Un esempio banale ma efficace è quello del letto. Non è raro, infatti, dormire in un letto diverso dal proprio e provare una bellissima sensazione al contrario di quanto accade con il letto di casa. Come non pensare, poi, al fatto che, in passato, quando un individuo stava male e non si riuscivano a capire le cause del malessere veniva allontanato dalla propria abitazione? Già Vitruvio nel suo De architetura raccontava che, prima di costruire una casa, gli antichi romani facevano pascolare sul terreno scelto per l’edificazione un gregge di pecore. Tale esperimento era finalizzato a capire se il luogo individuato era adatto per vivere o se, invece, presentava alcune criticità nocive per la salute degli esseri umani. In buona sostanza, dunque, ciò che si vuole asserire è che la Terra ha influenza nella salute fisica e mentale degli uomini. Il termine coniato recentemente per dare concretezza a tale teoria è ‘geopatia’. Proprio la ‘geopatia’ rappresenta l’insieme delle patologie che gli individui possono sviluppare a causa di energie nocive.

Per prima cosa, è necessario fare presente che la geobiologia si occupa di studiare l’influenza della Terra sugli esseri viventi. L’ipotesi di partenza, quindi, è che tutti gli esseri viventi siano strettamente legati al luogo in cui crescono e trascorrono gran parte della loro vita. Il corpo e la mente degli esseri umani, pertanto, possono essere alterati da veri e propri stress geologici. A tale proposito, vi è una branca dell’architettura che si occupa di progettare edifici in grado di non generare stress agli inquilini. Inoltre, è opportuno fare presente che anche i giapponesi Feng Shui e Ka So hanno come finalità ultima quella creare abitazioni rilassanti. In pochi sano che i cosiddetti raggi gamma che provengono dalla Terra possono avere un impatto molto forte sull’uomo. Essi, talvolta, possono avere una forza maggiore dei raggi X e la loro energia potrebbe provocare addirittura il cancro o alcune tipologie di mutazioni genetiche.

Anche le faglie sotterranee possono sprigionare gas radioattivi in grado di generare radiazioni a livello dei raggi X. Addirittura, secondo gli studiosi, anche i corsi d’acqua sotterranei possono provocare un’energia elettrica che sarebbe in grado di scatenare negli esseri umani una reazione stimolante ed eccitante. Sembra, infatti, che, in passato, alcune Chiese siano state costruite su corsi d’acqua proprio per tale ragione. E per quanto riguarda i materiali presenti in casa? Il primo accorgimento da tenere a mente riguarda i metalli. Le strutture in metallo, infatti, sono in grado di modificare le onde elettromagnetiche e, dunque, è preferibile non posizionare strutture di tale materiale nelle camere o nei locali adiacenti. Al contrario, è consigliabile utilizzare metalli cosiddetti isolanti in modo tale da schermare le stanze dalle radiazioni. Un’ottima soluzione potrebbe essere rappresentata, ad esempio, da materiali come il legno, la lana o il bambù. In ogni caso, è sempre meglio rivolgersi ad un bioarchitetto o ad un esperto nel settore prima di scegliere i materiali con coi arredare la propria casa.

Il team di BreakNotizie