Ecologico e quasi a costo zero: arriva il cellulare senza batteria

Ecologico e quasi a costo zero: arriva il cellulare senza batteria

- in Mondo, Tecnologia
695
0

Arriva dagli Stati Uniti un nuovo dispositivo capace di funzionare senza batteria, alimentato da fonti radio ed energia luminosa: per ora si tratta solo di un prototipo ma promette di rivoluzionare il mondo della telefonia smart.

La durata della batteria è sicuramente uno dei grandi rompicapo che spesso ci tormentano quando ci dobbiamo orientare verso l’acquisto di un nuovo smartphone. Negli ultimi anni infatti la tecnologia ci ha messo a disposizione device sempre più potenti e sofisticati, ma che richiedono batterie più potenti e spesso, nella maggior parte dei casi, arrivare a fine giornata con lo smartphone ancora acceso pare sia quasi una chimera. A breve però questo problema potrebbe diventare un lontano ricordo: gli ingegneri dell’Università di Washington hanno infatti inventato il primo cellulare capace di funzionare anche senza batteria. Fantascienza? No, in realtà il dispositivo attinge l’energia di cui ha bisogno dall’ambiente circostante, sfruttando i segnali Wi-Fi, le radiazioni elettromagnetiche, le frequenze radio o le onde luminose.

Un prodotto assolutamente rivoluzionario, quasi a consumo zero: per ora si tratta ancora di un semplice prototipo, dotato solamente di tastierino numerico, antenna, microfono ed altoparlante, ma capace di effettuare chiamate, sebbene per il momento funzioni come una sorta di walkie talkie, difatti è necessario premere un pulsante per passare dall’ascolto alla trasmissione e viceversa. La prima telefonata di prova, effettuata via Skype, è stata però un gran successo. I risultati della ricerca, finanziata dalla National Science Foundation e da Google Faculty Research Awards, sono stati resi noti ad inizio luglio.

Il team di ingegneri che ha lavorato al progetto

Il suo modo di funzionare, rispetto agli altri cellulari, è estremamente semplificato. Nelle tradizionali conversazioni con lo smartphone, i segnali analogici che vengono captati dal microfono vengono convertiti in segnali digitali, che poi si propagano attraverso la rete cellulare: si tratta di una conversione molto dispendiosa in termini di energia, circa 800 milliwatt per chiamata. Il nuovo cellulare senza batteria invece ne consumerebbe solamente 3,5. Questo perché esso si mantiene sul segnale analogico: tramite una tecnologia chiamata Backscatter, già utilizzata in passato dalle spie sovietiche durante la Guerra fredda e basata sulla riflessione dei segnali radio nello spazio fisico, il cellulare è capace di registrare le vibrazioni che capta dal microfono in fase di chiamata e trasmettere il segnale ad una stazione nelle vicinanze, distante al massimo 15 metri. Il telefono manda dei segnali digitali alla stazione durante la composizione del numero, collegandosi tramite Skype, mentre nella fase di conversazione vera e propria passa alla trasmissione analogica, come se si trattasse di un walkie talkie. L’energia di cui il dispositivo necessita la prende dalla stessa base che sfrutta per la conversazione telefonica, oppure in alternativa può utilizzare una cellula fotovoltaica in dotazione, grande quanto un chicco di riso.

Al momento il team di ingegneri sta lavorando su delle migliorie da apportare al sistema di ricezione vocale, ma anche sulla realizzazione di un display ad inchiostro elettronico per poter mandare e ricevere SMS a basso consumo e di una fotocamera. Si lavorerà ulteriormente anche sulla sicurezza delle conversazioni rendendole criptate. In un futuro prossimo le stesse celle telefoniche o i router wi-fi potrebbero incorporare questo tipo di tecnologia: in tal modo l’area di ricezione e la potenza del segnale sarebbero ampliate e risolverebbero uno dei grossi limiti che questo cellulare ha per il momento: la forte dipendenza dal segnale della “base” e quindi l’impossibilità di allontanarsi troppo da essa, un po’ come i tradizionali cordless casalinghi.

Il Team di Breaknotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Gli 8 rimedi naturali ed efficaci per migliorare la circolazione del sangue

Migliorare la propria circolazione è fondamentale non solo