E’ dimostrato! Gli 80 euro di Renzi li ridiamo al fisco…

E’ dimostrato! Gli 80 euro di Renzi li ridiamo al fisco…

- in Economia, Politica
462
0

”GLI 80 EURO NON CI SONO PIU’: SE LI E’ MANGIATI DI NUOVO IL FISCO CON GLI AUMENTI VARATI DA RENZI E DAI COMUNI” (CISL)

L’aumento del fisco, soprattutto a livello locale, annulla l’effetto degli sgravi e del bonus degli 80 euro. E’ scritto – e dimostrato –  da una ricerca della Cisl, dalla quale emerge come la pressione fiscale nel complesso cresca per le famiglie, passando dal 30,8% nel 2010 al 31,1% nel 2014.
Cosi’ lo stesso bonus, partito a maggio, (oltre che le detrazioni) viene “piu’ che compensato dall’aumento delle altre imposte”, in particolare dell’Iva, delle accise e delle addizionali regionali e comunali.
La riforma del fisco e’ “una delle riforme piu’ serie ed urgenti da fare per il Paese”, dice il segretario generale della Cisl, Annamaria Furlan, sottolineando che l’obiettivo deve essere quello di avere un sistema “piu’ equo e progressivo”.
Una riforma in cui intervenire anche sulla tassazione “sui grandi patrimoni immobiliari”, aumentandola “in modo proporzionale per cui chi ha di piu’ deve essere chiamato a pagare di piu'”. Allo stesso modo “dobbiamo rivedere la tassazione sulle grandi ricchezze finanziarie”.
E’ “l’ora di rivolgersi a chi ha di piu'”, insiste Furlan, perche’ “in questo Paese il carico fiscale, troppo aspro e insopportabile, e’ tutto sulle spalle dei lavoratori dipendenti e dei pensionati”, che non “ce la fanno piu'”. Inoltre, per il leader della Cisl, bisogna intensificare la lotta all’evasione fiscale e alla corruzione. In altre parole, si tratterebbe di una patrimoniale.

Però “non per abbattere il debito pubblico, ma per diminuire il peso delle tasse sulle fasce medie e basse”, aggiunge il segretario confederale Maurizio Petriccioli, in occasione della presentazione della ricerca della Cisl e del Caf nazionale sulle dichiarazioni dei redditi dei lavoratori dipendenti e dei pensionati che nel 2013 si sono rivolti ai centri di assistenza fiscale del sindacato: “circa 3 milioni di persone, con un reddito complessivo mediamente di 21.800 euro ed un’aliquota media attorno al 17%”.
“Attraverso il bonus degli 80 euro, il governo ha dato un sostegno ad una parte della popolazione, ma si e’ dimenticato di un’altra parte che ne aveva altrettanto bisogno, gli incapienti ed i pensionati”, rileva ancora Furlan.
Del bonus “hanno beneficiato in qualche modo 8,6 milioni di famiglie italiane, circa un terzo del totale” ma nell’orizzonte di medio termine 2010-2014, appunto, l’effetto viene annullato e solo le famiglie dei lavoratori dipendenti, con un reddito tra gli 8mila ed i 26mila euro, afferma inoltre Petriccioli, conservano “un piccolo beneficio”, che pero’ “non ha la forza” di rilanciare l’economia, in cui – e’ la fotografia della ricerca – reddito e consumi sono in calo ed il risparmio si erode sempre piu’.
In pratica, gli 80 euro se li sono mangiati le tasse aggiuntive varate dal governo Renzi e dai comuni italiani.

 

 

http://informatitalia.blogspot.it/2014/11/gli-80-euro-non-ci-sono-piu-se-li-e.html#more

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Lettera a Berlusconi, a Salvini e alla Toffa

QUATTRO PRECISE CONDIZIONI PER VOTARE FORZA ITALIA Commenti