Dopo Oscar ed Hulk anche Carlos Tevez approda nel campionato cinese

Dopo Oscar ed Hulk anche Carlos Tevez approda nel campionato cinese

- in Sport
713
0
maxresdefault

Il campionato cinese di calcio è divenuto negli ultimi anni una specie di “Bengodi”, con stipendi altissimi per tecnici e calciatori che accettano di trasferirsi in Oriente.

Il mondo del calcio internazionale è cambiato e da alcuni anni le società italiane ed europee si trovano a dover fronteggiare gli attacchi delle società cinesi. Se negli anni passati si era assistito a trasferimenti in Cina di giocatori a fine carriera, alla ricerca degli ultimi contratti, ora il mercato cinese si è rivolto anche a giocatori nel pieno della maturità, come dimostrano i colpi di mercato che corrispondono ai nomi di Oscar e Tevez. Inoltre tutti questi colpi sono stati portati a termine con importi faraonici, sia per quanto riguarda gli ingaggi che per quanto riguarda i soldi necessari per l’acquisto dei cartellini.

Nello scorso mercato invernale le squadre che partecipavano ai campionati cinesi della 1a e della 2a divisione avevano speso nel complesso una somma superiore ai 250 milioni di euro, acquistando giocatori provenienti dai campionati europei o del Sud America, con un aumento consistente rispetto ai 170 milioni di euro dell’anno precedente. Nell’ultima sessione di mercato le sole squadre di 1a divisione hanno già superato quota 222 milioni di euro e la voglia di portarsi a casa giocatori sembra ben lontana dall’esaurirsi.

tevez_cina-kamf-u180297202162ykg-620x349gazzetta-web_articolo

Solo per i tre giocatori più cari, l’italiano Pellè, ed i due brasiliani, Oscar e Hulk, sono stati spesi 130 milioni di euro, senza contare gli ingaggi dei giocatori. Il colpo che ha fatto più scalpore è stato l’arrivo di Carlos Tevez, che ha lasciato il Boca Juniors e la sua Argentina, dove era tornato dopo le vittorie in maglia bianconera. L’ex centravanti della nazionale albiceleste è costato solo 10 milioni di euro come cartellino, ma ha un ingaggio astronomico, pari a 38 milioni di euro l’anno.

Nelle cifre del mercato cinese, relativamente agli ingaggi dei giocatori, restano comunque delle “zone d’ombra”, in quanto in effetti non si è compreso se i 38 milioni finiranno per essere spalmati sui due anni previsti dal contratto, così come per quanto riguarda Ezequiel Lavezzi, altro argentino emigrato in Cina, si era ipotizzato un ingaggio annuale tra 8 e 15 milioni di euro, mentre la verità sembra essere quella di un compenso complessivo di 54 milioni per i 23 mesi di durata del suo contratto.

gettyimages-629175308

Prima dell’arrivo in Cina di Tevez, la classifica “ufficiosa” dei guadagni era guidata da Oscar, brasiliano ex Chelsea, che dalla sua squadra, lo Shangai SIPG, percepisce 25 milioni all’anno, precedendo il connazionale Hulk, con 20 milioni e Pellè che ne percepisce 16 a stagione. Dopo di loro 14,8 milioni per Asamoah Gyan. Cifre che fanno effetto, se si pensa che in Europa, dei campioni e pluripremiati con il “Pallone d’Oro” come Messi del Barcellona e Ronaldo del Real Madrid, hanno stipendi di circa 20 milioni di euro a stagione.

Uno degli ultimi colpi che i cinesi stanno tentando è quello che riguarda il centravanti croato della Fiorentina, Kalinic, per il quale dovrebbero pagare la cifra della clausola di rescissione, che ammonta a 50 milioni di euro. Al momento il centravanti di Paulo Sousa non sembra intenzionato ad accettare le proposte dei cinesi, ma di fronte a proposte “indecenti” sull’ingaggio, la sua certezza potrebbe anche traballare. I trasferimenti potrebbero anche non finire qui, in quanto l’inizio del campionato in Cina è previsto per il prossimo mese di marzo.

 

 

 

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

You may also like

130 famiglie lasceranno l’Italia per dire no al vaccino

In Trentino Alto Adige è nato il fronte