Dopo le elezioni in Grecia, Tsipras forma un nuovo governo

Dopo le elezioni in Grecia, Tsipras forma un nuovo governo

- in Politica
588
0

Nelle elezioni in Grecia, caratterizzate da un altissimo astensionismo, per la seconda volta in nemmeno 12 mesi Alexis Tsipras ottiene la vittoria e forma un nuovo governo. Dopo aver conosciuto l’esito delle urne, Tsipras ha dichiarato che questa è una “vittoria del popolo” e che proverà a fra cambiare idea all’Unione Europea.


Per formare il suo secondo governo, Tsipras si è alleato con la destra di Anel, il partito nazionalista di Panos Kammenos, che aggiunge i suoi 10 seggi ai 145 conquistati da Syriza, e che permettono a Tsipras di avere la maggioranza assoluta in parlamento. Tsipras ha mantenuto la coalizione che l’aveva portato al governo anche nello scorso gennaio, quando la somma delle due forze era di 149 seggi, due in meno della maggioranza assoluta. Per quanto riguarda le altre forze politiche, Nea Dimokratia prende il 28,11% e ottiene 75 seggi, mentre Alba Dorata si piazza in terza posizione con 19 seggi ed il 7,09%. Altri seggi sono andati al Pasok, 17 con il 6,42%, ai comunisti del Kke, 15 con il 5,48%, ed ai centristi di To Potami, 10 con il 3,93%. Entra anche l’Unione dei centristi che con il 3,43% ottiene 9 seggi. Tsipras ha ottenuto i 145 seggi grazie alla legge elettorale greca che assegna un premio di maggioranza pari a 30 seggi al partito di maggioranza relativa, una norma studiata per garantire la governabilità.

Il dato più impressionante messo in evidenza da queste elezioni è stato però quello dell’astensionismo, con solo il 55% degli aventi diritto che si è recato alle urne in questa occasione. A questo si aggiunge, secondo quanto scritto da un quotidiano greco, Kathimerini, che il 13,9% degli elettori che si sono recati a votare ha atteso fino al giorno delle votazioni per fare la sua scelta tra i partiti partecipanti.

Tsipras comunque non ha perso tempo ed ha parlato immediatamente ringraziando i suoi sostenitori riuniti in piazza Klafthmonos. Il Premier ha sottolineato come il suo partito sia duro a morire, anche se attaccato da varie parti, e che è ora di cambiare i rapporti di forza attualmente vigenti in Europa.

Il leader di Syriza ha anche aggiunto che il secondo mandato consecutivo che gli è stato affidato significa che è necessario per la Grecia continuare nella strada già intrapresa e liberarsi definitivamente di tutti i retaggi del passato. Oltre a questo c’è un sentito ringraziamento per Kammenos, che anche in questa occasione unisce le sue forze a quelle di Syriza, sotto quella che Tsipras definisce la bandiera dell’onestà. E conclude dicendo che la lotta che i due partiti hanno iniziato insieme otto mesi prima, continuerà fin dal giorno successivo.

La folla di Syriza ha fatto festa come già era successo sia a gennaio che in occasione del referendum dello scorso luglio, una festa che è durata per tutta la notte, mentre dopo le prime proiezioni arrivavano i risultati definitivi e Tsipras era già al lavoro per definire la composizione del suo governo. Panos Skourletis, ex ministro dell’Energia, dopo aver appreso i risultati, ha fatto notare che si tratta della prima occasione in cui le urne hanno premiato un partito che aveva accettato un accordo molto duro.

Jeroen Dijsselbloem, presidente dell’Eurogruppo, con un breve comunicato ha fatto gli auguri al Premier ed ha assicurato di essere disponibile per lavorare fianco a fianco con le autorità elleniche per chiudere definitivamente tutti problemi che ancora restano sul tappeto.

La vittoria di Tsipras è stata accolta bene anche negli ambienti finanziari europei e le Borse hanno risposto positivamente, presupponendo che la presenza di Tsipras alla guida del governo garantirà il rispetto degli accordi che la Grecia ha preso con l’Unione Europea.

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Anziani e bambini: quando ad accomunarli è il gioco

Cosa succede se si consente ai degenti di