Donald Sutherland: “La guerra è un racket per il profitto dell’élite dominante. Non è mai per la democrazia”

Donald Sutherland: “La guerra è un racket per il profitto dell’élite dominante. Non è mai per la democrazia”

- in Polemica
758
0

L’attore di Hollywood, Donald Sutherland, si è scagliato contro il complesso militare industriale statunitense. A Sutherland, che interpreta il presidente Snow nella serie campione d’incassi Hunger Games, è stato recentemente chiesto di cosa trattasse realmente il film, e non si è risparmiato nella sua risposta.

Se c’è qualche domanda su quale sia l’allegoria, ve lo dirò.

Sono i poteri forti degli Stati Uniti d’America.

I profittatori.

La guerra è per il profitto. Non è “per salvare il mondo per la democrazia” o “per il re e il paese.”

No, sciocchezze

E’ per il profitto del 10% della popolazione, e i giovani che vedono questo film devono riconoscere per il futuro che la “fede cieca nei loro leader”, come diceva Bruce Springsteen, “li porterà alla morte”.

Coloro che sono coscienti della macchina da guerra, e hanno guardato i film o letto i libri, hanno senza dubbio visto il tema anti-establishment di fondo. Tuttavia, coloro che non si accorgono dovrebbero ascoltare le parole di Sutherland.

Il punto non è la guerra che è per il profitto di poche persone. Infatti, come ha detto il Generale Smedley Butler, insignito due volte della Medal of Honor, la più alta decorazione militare assegnata dal Governo degli Stati Uniti:

La guerra è un racket.

Forse il più vecchio, facilmente il più profittevole, sicuramente il più crudele. L’unico ad essere internazionale nel suo scopo. L’unico in cui i profitti vengono stimati in dollari e le perdite in vite umane.

Un racket è meglio descritto, ritengo, come qualcosa che non è ciò che sembra alla maggioranza delle persone. Solo un piccolo gruppo “interno” sa di cosa si tratta. Viene condotto per il beneficio di pochi, a spese di molti. Da una guerra, poche persone traggono delle grandi fortune.

Nella Prima Guerra Mondiale, fu solo una piccola manciata di individui a trarre dei profitti da questo conflitto. Durante questo periodo nacquero negli Stati Uniti circa 21.000 nuovi milionari e miliardari. Molti di questi presentarono i loro guadagni colossali nella dichiarazione dei redditi. Quanti siano gli altri milionari arricchiti dalla guerra che falsificarono la loro dichiarazione, nessuno lo sa.

Quanti tra questi milionari avevano portato un fucile sulle spalle? Quanti tra loro hanno mai scavato una trincea? Quanti tra loro sapevano che cosa significava sentire i morsi della fame in un rifugio sotterraneo infestato dai topi? Quanti tra loro hanno passato delle notti intere senza dormire, nel terrore, abbassando la testa ogni volta per ripararsi dagli esplosivi, dalle raffiche dei mitra e delle mitragliatrici? Quanti tra loro sono riusciti a schivare la lama della baionetta di un nemico? Quanti tra loro sono rimasti feriti o uccisi in battaglia?

Sutherland ha però torto su una cosa che è la percentuale che egli assegna a coloro che traggono profitto dalla guerra. E non è neanche lontanamente il 10% come lui sostiene. Chi trae profitto dalla guerra, come sottolinea Smedley Butler, è un piccolo gruppo di persone. L’élite dominante.

Sono i produttori di armi, i mercanti d’armi, i politici interni, e lo Stato stesso. Tutti gli altri coinvolti nella guerra, compresi quelli che muoiono per essa, sono solo pedine. Essi sono ingranaggi nella macchina il cui unico scopo è diffondere morte e distruzione.

 

 

http://ununiverso.altervista.org/blog/donald-sutherland-la-guerra-e-un-racket-per-il-profitto-dellelite-dominante-non-e-mai-per-la-democrazia/

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Lettera a Berlusconi, a Salvini e alla Toffa

QUATTRO PRECISE CONDIZIONI PER VOTARE FORZA ITALIA Commenti