Deciso invio di nuovi armi Usa in Libia. Dove finiranno secondo voi?

Deciso invio di nuovi armi Usa in Libia. Dove finiranno secondo voi?

- in Mondo
495
0

Due anni dopo aver fornito una generosa quantità di armi moderne sia ai ribelli siriani “moderati”, che ai militari in Iraq, “cadute nelle mani sbagliate”….

Appena due anni dopo aver fornito una generosa quantità di armi moderne sia ai ribelli siriani “moderati”, che ai militari in Iraq, che poi comodamente e quasi immediatamente sono “cadute nelle mani sbagliate” e armato quello che allora era un poco conosciuto gruppo di fondamentalisti islamici che è diventato lo Stato islamico, gli Stati Uniti sono in procinto di farlo di nuovo.
In una mossa che l’AP nota essere “piena di rischi”, gli Stati Uniti e altre potenze mondiali hanno annunciato che forniranno al governo riconosciuto a livello internazionale della Libia le armi per contrastare lo spauracchio perenne (che gli Stati Uniti hanno armato per primi) dello Stato islamico e altri gruppi militanti che hanno guadagnato terreno nel paese sprofondato nell’anarchia.
Si aggiunga l’ironia che fino a solo cinque anni fa la Libia era una nazione relativamente pacifica e organizzata, almeno fino a quando la CIA e Hillary Clinton non hanno scatenato con successo l’effetto domino della “primavera araba” nella regione MENA, rovesciando i vari dittatori e convertendo nazioni come la Libia in un focolaio di instabilità, hub per terroristi e punto di partenza di migliaia di rifugiati diretti in Europa.

La Libia è prontamente discesa nel caos dopo il rovesciamento e la morte di Muammar Gheddafi, che ha trasformato il paese in un campo di battaglia di milizie rivali in lotta per il potere. Più di recente, il vuoto di potere ha permesso allo Stato Islamico, misteriosamente onnipresente, di espandere la propria presenza, dandogli una potenziale base in un paese separato dall’Europa solo da un piccolo tratto del Mar Mediterraneo.

Ancora più paradossale è che ci sia un embargo in corso per fornire armi alla Libia che però è in procinto di essere aggirato.
Come scrive AP, ” tentando ancora una volta  dipuntellare il fragile governo, e impedire ai combattenti dello Stato islamico e delle milizie rivali ulteriori guadagni, gli Stati Uniti, i quattro membri del Consiglio di sicurezza permanente delle Nazioni Unite e altre 15 altre nazioni hanno detto che avrebbero approvato deroghe ad un embargo sulle armi delle Nazioni Unite per consentire le vendite militari e gli aiuti al cosiddetto “Governo di Accordo nazionale” libico.

In un comunicato congiunto, le nazioni hanno detto che mentre l’embargo più ampio resterà in vigore, sono “pronte a rispondere alle richieste del governo libico per la formazione e l’equipaggiamento delle forze governative”. “Sosterremo pienamente questi sforzi, pur continuando a rafforzare l’embargo sulle armi delle Nazioni Unite”, si legge nel comunicato.
In altre parole, armando le forze governative si corre il rischio che queste armi finiscano per rafforzare l’ISIS e ripetere il fallimento avvenuto in Iraq.

La narrazione è ormai prevedibile. La decisione di armare il governo libico dovrebbe consentirgli di consolidare il potere e recuperare il controllo delle istituzioni statali libiche come la banca centrale e la compagnia petrolifera nazionale” Come promemoria, questo è stato il pretesto utilizzato praticamente in ogni campagna di intervento straniero Usa.

Almeno questa volta AP  sottolinea l’ovvio: il dispiegamento di armi “comporta dei rischi, non ultimo quello che le armi possano cadere nelle mani dello Stato islamico o di altri gruppi .”

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Ecco perché baciare fa bene alla salute

Sapevate che baciare è un toccasana per la