Cortisone: 5 rimedi naturali alternativi

Cortisone: 5 rimedi naturali alternativi

- in Benessere
1018
0

Il cortisone è un farmaco corticosteroide molto noto e utilizzato. Alla sua efficacia come antinfiammatorio e immunosoppressore fa però da contraltare una serie di possibili controindicazioni più o meno gravi, a carico di alcune funzioni metaboliche come anche della pelle e del sistema immunitario.

Queste controindicazioni spingono spesso chi ne fa uso a cercare eventuali rimedi naturali alternativi all’impiego del cortisone, laddove non risulti strettamente necessario ai fini terapeutici il ricorso a prodotti farmacologici. Soluzioni disponibili in natura e provenienti dalla sfera erboristica e da quella fitoterapica.

Curcuma

Cortisone: possibili controindicazioni

Le possibili controindicazioni legate all’impiego di cortisone sono perlopiù connesse all’eventualità di terapie prolungate. Brevi cicli terapici sono di solito meno dannosi per l’organismo, a meno di condizioni particolari che rendano alcune caratteristiche del farmaco dei possibili fattori di rischio.

Uno di questi casi è ad esempio l’azione immunosoppressoria operata dal cortisone, che potrebbe esporre soggetti già indeboliti a un ulteriore riduzione della capacità di risposta del proprio sistema immunitario. Utilizzi di brevissima durata non producono di solito effetti apprezzabili, soprattutto se l’impiego è topico.

Gonfiore più o meno localizzato e aumento del grasso corporeo sono altre due possibili conseguenze legate all’assunzione di cortisone. Questo succede in relazione al fatto che questo genere di cicli terapici tende a far aumentare l’appetito e la ritenzione idrica: verrà tuttavia favorito l’accumulo di liquidi e grasso su addome, viso e collo, mentre al contrario tenderà a ridursi la massa muscolare.

I corticosteroidi tendono poi ad aumentare il livello di eccitabilità, aumentando il rischio di insonnia o di sonno disturbato. Per quanto riguarda infine la pelle l’assunzione di cortisone può provocare nei giovani un peggioramento dell’acne e negli anziani una maggiore fragilità cutanea. È possibile, seppure si verifichi in maniera sporadica, l’aumento dei peli corporei (irsutismo).

Zenzero, radice

Rimedi naturali alternativi

    • Ribes nigrum – Il rimedio naturale più conosciuto e apprezzato per sostituire il cortisone è senz’altro il Ribes nigrum, la cui azione è in grado di stimolare la produzione di cortisolo da parte delle ghiandole surrenali. Questo ormone (cortisolo) contrasta gli stati infiammatori e può rendere questo prodotto della natura una valida alternativa ad esempio in caso di allergie, mal di gola, congiuntivite e rinite. Questa soluzione naturale può essere sintetizzata cometintura madre oppure estratto dalle gemme della pianta come gemmoderivato. Deve tuttavia essere prestata attenzione ad alcune possibili controindicazioni ed effetti collaterali specifici, relativi a quadri clinici che comprendono stati di ipertensione, assunzione di farmaci anticoagulanti, epilessia e patologie renali.
    • Curcuma – A garantire ottime proprietà antinfiammatorie alla curcuma è proprio la sostanza alla quale si devono il maggior numero di effetti benefici conosciuti: la curcumina. Anche quest’ultima risulta essere, come il Ribes nigrum, un ottimo antinfiammatorio naturale, senza tuttavia presentare le possibili controndicazioni evidenziate dall’utilizzo del cortisone o del precedente rimedio naturale. Al contrario del farmaco l’effetto sul sistema immunitario è opposto, dal momento che anziché un’azione immunodepressoria ne viene effettuata una di rinforzo delle difese dell’organismo. Inoltre alla curcuma sono associate azioni curative nei confronti di patologie quali Alzheimer, ansia e depressione.
    • Zenzero – Il suo utilizzo in termini di sostituto naturale del cortisone è relativo perlopiù al trattamento di patologie quali artrite reumatoide e osteoartrite. Apprezzate sono inoltre leproprietà digestive e antiemetiche, l’azione protettiva e lenitiva in caso di infiammazione della mucosa gastrica.
    • Cardiospermum halicacabum – Dalla sommità dei fiori di questa pianta è possibile ricavare quantità rilevanti di fitosteroidi, sostanze simili la cui efficacia ricorda quella del cortisone. Il suo utilizzo è perlopiù cutaneo e avviene mediante l’applicazione di creme e pomate appositamente realizzate.
    • Bromelina (ananas) – La sua azione antinfiammatoria è in grado di agire nel trattamento, ad esempio delle infiammazioni dei tessuti molli causate da edema, su un binario differente da quello sul quale agisce il cortisone. Il risultato è che questo derivato del gambo dell’ananas può in linea di massima essere utilizzato sia come alternativa che come coadiuvante del farmaco.

 

 

 

 

 

http://www.greenstyle.it/cortisone-5-rimedi-naturali-alternativi-184848.html

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Lettera a Berlusconi, a Salvini e alla Toffa

QUATTRO PRECISE CONDIZIONI PER VOTARE FORZA ITALIA Commenti