Corsa & Stretching: la fascia plantare

115

Tutti i runner professionisti e non, almeno una volta nella loro carriera avranno avuto a che fare con la temuta fascia plantare. Ma che cosa comporta questa patologia che è molto comune tra gli sportivi?

La fascia plantare in realtà è un’infiammazione che colpisce la pianta del piede e che il più delle volte può diventare molto fastidiosa ed invalidante, arrivando a compromettere il corretto svolgimento dell’allenamento. I muscoli della pianta del piede fungono da veri e propri ammortizzatori che proteggono l’arco longitudinale durante lo sforzo, ed è proprio quando questi ultimi si infiammano con l’aumentare del carico di sforzo, che si va incontro a questa fastidiosa situazione. Uno dei metodi scientificamente provati per evitare a monte l’insorgere dell’infiammazione è la cosidetta “terapia conservativa” o stretching. E’ stato dimostrato infatti che tutti i corridori che eseguono esercizi di stretching sia prima che dopo la corsa, soprattutto quelli che permettono l’allungamento dei muscoli flessori dell’alluce e di tutte le dita, riescono a mantenere allenata la fascia muscolare del piede evitando di sovraccaricarla. Uno degli esercizi migliori per allungare i muscoli prima e dopo l’allenamento consiste nel posizionarsi di fronte a una parete e, appoggiando le mani avanti, bisogna piegarsi sedendosi quasi sui talloni con le dita dei piedi piegate e cercare di mantenere la posizione fino ad avvertire la tensione di allungamento.

Il team di BreakNotizie