Condizionatori, obbligo nuovo libretto e bollino. Le novità

302

Da giugno parte la nuova normativa relativa ai condizionatori e climatizzatori: sarà necessario un nuovo libretto ed un bollino che attesti l’effettiva efficienza di questi impianti.

Anche i condizionatori ed i climatizzatori sono entrati a far parte della categoria degli impianti di riscaldamento e, a partire dall’ottobre dello scorso anno, è stato istituito il libretto unico, nel quale bisogna riportare l’efficienza ed il consumo di tali impianti.
Esso vale per gli impianti che nel periodo estivo sviluppano una potenza di dodici chilowatt, ed in inverno di dieci: il libretto unico deve essere compilato sia da coloro che hanno un climatizzatore in casa così come dai proprietari di attività commerciali e dai responsabili di strutture pubbliche e private.

img_1284026547733301.jpeg
Ad affiancare il libretto unico vi è quello della manutenzione, il quale deve essere compilato dal tecnico che esegue l’installazione, nel caso si tratti di impianti nuovi, o dal manutentore se l’impianto è stato installato prima dell’entrata in vigore del libretto.
Il manutentore, al massimo ogni quattro anni, deve effettuare un controllo sull’efficienza dei suddetti impianti e, qualora questi superino il controllo, deve porre sul libretto il bollino blu, che rappresenta l’esito positivo del controllo.
Il costo del libretto varia a seconda del tipo dell’impianto installato: il costo minimo è di cento euro, mentre il massimo è pari a duecento, e questa spesa dovrà essere sostenuta dal proprietario del condizionatore.
Qualora non venisse rispettata tale legge, il proprietario del climatizzatore o condizionatore potrebbe essere sanzionato con una multa caratterizzata da un importo minimo di cinquecento euro fino ad uno massimo pari a tremila euro.

Il team di BreakNotizie