Come ottenere un mutuo col contratto a tutele crescenti

Come ottenere un mutuo col contratto a tutele crescenti

- in Italia
537
0

Entrato in vigore il nuovo contratto a tutele crescenti, che fa venir meno per i nuovi assunti le tutele prima previste dall’articolo 18 dello statuto dei lavoratori, si pongono nuovi problemi per chi vuole accedere ad un mutuo. Le banche, visto l’aumentato rischio di perdita del lavoro dovuto alla maggiore facilità con cui si può licenziare un dipendente, chiedono garanzie ulteriori rispetto al passato per concedere un mutuo.

In attesa che arrivino i dati sui licenziamenti dovuti al contratto a tutele crescenti, le banche si tutelano e per avere un mutuo due sono le possibili strade:
– la prima è la copertura assicurativa: è richiesta la stipula di una polizza che copra il rischio di perdita del lavoro. Ovviamente l’importo chiesto per questa copertura è commisurato al rischio di perdita di lavoro, all’ammontare del credito chiesto, al piano di ammortamento. È stato calcolato che su un mutuo di 80 mila euro, il valore della polizza vada ad incidere per circa 40 euro mensili, somma non da poco.
– La seconda strada per ottenere un mutuo nonostante si abbia un contratto di lavoro a tutele crescenti, è la presenza di garanti, cioè soggetti terzi, come i genitori, che si impegnano a pagare in caso di perdita di lavoro del debitore principale.

La maggiore complessità c’è, nonostante il premier Matteo Renzi affermi che Patuelli, Presidente dell’ABI (associazione delle banche), abbia assicurato, a lui e pubblicamente, che coloro che stipulano il contratto di lavoro a tutele crescenti hanno i titoli per accedere al mutuo.
Proprio per questo invita coloro che ricevono un rifiuto dalle banche a comunicarlo direttamente a Palazzo Chigi, per ogni caso di rifiuto saranno chieste delucidazioni alla Banca.

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Anziani e bambini: quando ad accomunarli è il gioco

Cosa succede se si consente ai degenti di