Come fare in casa L’Olio di Cocco alla Cannabis: un rimedio potente ed efficace poco conosciuto.

Come fare in casa L’Olio di Cocco alla Cannabis: un rimedio potente ed efficace poco conosciuto.

- in Ricette
882
0

I cannabinoidi possono essere assorbiti da parecchi grassi, come ad esempio il burro, ma l’assorbimento attraverso l’olio di cocco è di gran lunga la scelta migliore.

È ormai noto che la marijuana sia una pianta che può essere utilizzata per scopi curativi e finalmente questa certezza è anche riconosciuta dalle autorità.

In tutto il mondo la cannabis è stata utilizzata per secoli contro moltissimi problemi di salute come infiammazioni, dolori, dolori mestruali, insonnia, gonfiore, ansia, depressione e tanti altri.

La cosa interessante è che sono stati utilizzati vari modi di consumare questa pianta: fumarla, mangiarla, spalmarla etc.. Ci sono anche dei casi in cui la marijuana viene combinata con altri alimenti.

Sembra che il consumo di cannabis in infusione nell’olio di cocco vergine sia il metodo più semplice e sano per scopi medici.

Come la cannabis, l’olio di cocco ha un sacco di benefici per la nostra salute e per questo motivo viene utilizzato nei prodotti commerciali di cura della pelle e dei capelli.

L’olio di cocco vergine biologico può aiutare la digestione e può contribuire a migliorare il sistema immunitario. Quest’olio ha una quantità significativa di caprilico, caprico e acido laurico. Tutti questi acidi sono noti per le loro proprietà anti-fungine, antimicrobiche e antibatteriche.

Olio di cocco alla cannabis

La combinazione dell’olio di cocco con la marijuana crea un cannabinoide potentissimo come rimedio che può essere usato come alimento, preso come una capsula o utilizzato esternamente.

Come preparare l’olio di cocco alla cannabis

AVRETE BISOGNO DI:

Una pentola di coccio
Acqua distillata – 1.5 litri
Olio di Cocco – 200 grammi
Marijuana – 50 grammi
Un grande recipiente
Guanti in lattice
Un setaccio fine
Un colino
Un macinino/grinder

La ricetta che stiamo per proporvi richiede l’impiego di 200 grammi di olio di cocco, approssimativamente una “tazza”. Questa dose può essere raddoppiata, triplicata o aumentata in base alle vostre esigenze.

1. Macinate o tritate la vostra Cannabis più finemente possibile. Questo vi permetterà di ottimizzare l’area di superficie, in modo da essere sicuri di estrarre la maggior quantità possibile di cannabinoidi dalla vostra marijuana. Cercate, quindi, di renderla simile al caffè macinato.

2. Ponete 200 grammi di olio di cocco all’interno della vostra pentola a cottura lenta e mescolatelo, mantenendolo a fuoco basso, per farlo stemperare.

3. Una volta che l’olio di cocco sarà stemperato, aggiungete in pentola la vostra Cannabis. La dose indicata di 50 grammi si riferisce ad un mix di materia vegetale. Se utilizzate cime pure o hashish, dovrete impiegarne in quantità inferiore (provate a fare diverse infornate fino ad ottenere quella che più si addice alle vostre esigenze).

4. Aggiungete 1.5 litri di acqua distillata. L’acqua agisce come filtro per la clorofilla in eccesso, che verrà eliminata dalla Cannabis, in modo che il prodotto finale abbia un sapore migliore. Aiuta, inoltre, ad evitare che i cannabinoidi si disperdano durante la cottura e si deteriorino prima di integrarsi con l’olio.

5. Coprire con un coperchio la vostra pentola e portatela ad una temperatura elevata. Lasciate sul fuoco per un’ora e, quindi, mescolate il composto per agitare la materia vegetale. In questo modo assicurerete che l’intera superficie della vostra Cannabis venga utilizzata durante il processo di formazione del legame chimico che avviene tra l’olio e i cannabinoidi.

6. Trascorsa un’altra ora, abbassate la temperatura al minimo e lasciate che il composto continui la cottura ancora per 4-24 ore, mescolando ogni ora. Più a lungo lo lascerete sul fuoco, continuando a mescolare, e maggiore sarà la quantità di cannabinoidi rilasciata con successo nell’olio.

7. A questo punto, spegnete il fuoco e lasciate raffreddare fino al punto in cui sarete sicuri di non bruciarvi durante la lavorazione.

8. Versate il composto in un colino per separare la materia vegetale facendo confluire il liquido nel vostro recipiente: un filtro per il caffè alla francese andrà benissimo per eseguire questa operazione. Se non ne avete uno a disposizione, utilizzate un setaccio per rimuovere la materia vegetale e, quindi, spremetelo a mano sopra il recipiente: vi sorprenderete per la grande quantità di olio presente nella materia vegetale e, quindi, accertatevi di spremerlo al meglio.

9. All’interno del vostro recipiente avete, ora, una miscela di acqua e olio. Coprite la vostra ciotola e ponetela in frigorifero per una notte intera. In questo modo il composto si separerà in due livelli, con l’olio in fase di solidificazione sulla superficie.

10. Il giorno successivo potrete prelevare l’olio facendo attenzione a raccoglierlo dalla superficie solo una volta che sarà solidificato completamente. Cercate di non farlo precipitare nell’acqua, se ci riuscite! L’acqua può sempre essere eliminata successivamente, assicurandosi di non lasciare nessuna goccia sulla superficie.

11. Potrete, a questo punto, notare che una piccola quantità di materia è presente sul fondodel panetto di olio. Per rimuoverla, riscaldate nuovamente l’olio in modo che il tutto si fonda e, quindi, filtrate il composto con un fine setaccio. Potrete, dunque, risistemare il tutto in frigorifero per riportarlo allo stato solido.

E, finalmente, avete ottenuto il vostro Olio di Cocco alla Cannabis, pronto per l’uso! Potete conservarlo in frigo o nel congelatore, per utilizzarlo in un secondo momento, quando ne avrete bisogno per cucinare. Tenete bene a mente che in frigorifero non si conserva troppo a lungo. La cosa migliore sarebbe dividerlo in piccole porzioni, da porre in sacchetti a chiusura zip da congelare. In questo modo sarete sicuri di non dovervi preoccupare di scongelarlo tutto prima dell’utilizzo o di doverlo mantenere in frigo col rischio che si deteriori prima di averlo usato tutto.

http://www.panecirco.com/ricetta-come-preparare-olio-cocco-alla-cannabis/

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Ecco perché baciare fa bene alla salute

Sapevate che baciare è un toccasana per la