Come cambiare il mondo con le mele

Come cambiare il mondo con le mele

- in Ambiente
721
0

Una mela al giorno toglie il medico di torno. Presto questo detto popolare dovrà essere cambiato, perché le mele fanno molto di più. Secondo le scoperte del ricercatore e imprenditore di Bolzano Alberto Volcan, gli scarti delle mele possono essere utilizzati nelle maniere più disparate. Nonostante i suoi 79 anni suonati, lo studioso trentino ha tanta voglia di scoprire come migliorare le condizioni di vita degli esseri umani. E in qualche modo ci è riuscito.

Con le bucce di mela è riuscito a realizzare ecopelle per fare borse, vestiti e rivestimenti di poltrone e divani, come anche altri oggetti di arredamento. E se qualcuno provasse ad alzare la mano per sostenere che questa ecopelle realizzata con la mela a lungo andare puzza, sarebbe subito smentito perché è completamente inodore. Non solo, è anche molto resistente e si adatta in pochissimo tempo alla temperatura del corpo umano scaldandolo e mantenendolo al caldo. Quindi signore preparatevi a vestirvi di mela perché probabilmente diventerà il trend del futuro.

Ma non è finita qui. Con le mele, Alberto Volcan ha realizzato anche carta igienica, carta per le stampanti e rotoli asciugatutto come quelli che usiamo in cucina per assorbire olio e ogni liquido si riversi per terra o sui nostri mobili. Persino la colla può essere fatta di mela. Sembra incredibile ma è vero. E poi, anche se forse risultano un po’ più ovvi come utilizzi, possono essere usati gli scarti delle mele per realizzare fertilizzanti e mangimi per animali. Insomma si può fare proprio di tutto. E il signor Volcan con le sue scoperte è diventato in poco tempo oggetto di studio e argomento di numerose tesi di laurea.

Ma c’è una scoperta fatta dal ricercatore bolzanino che potrebbe salvare i nostri mari da un inquinamento che rischia di distruggerli e di distruggerci. Secondo il simpatico 79enne, se si prendono gli scarti di mela, si fanno seccare e poi si riducono in polvere possono essere inseriti nelle barriere di contenimento che si mettono in mare subito dopo un disastro ambientale in cui qualche nave petrolifera ha registrato delle notevoli perdite di oro nero. A che scopo? La domanda è quanto mai lecita. Gli scarti di mela possono assorbire il 100% di idrocarburi dispersi in mare, praticamente annullando l’effetto del disastro. Le acque tornerebbero praticamente pulite. La scoperta ha dell’incredibile.

Il signor Alberto Volcan ha origini tedesche (il cognome di origine era infatti Volkan, ma i suoi genitori non volendo essere parte del Terzo Reich decisero di trasferirsi in Italia e di italianizzarlo). Le sue scoperte non si fermano soltanto alle mele. Mentre lavorava, dal 1955 al 1978 all’Iveco dedicava il suo tempo libero alle sue passioni inventando oggetti di ogni tipo. Nel frattempo il suo nome cominciava a girare negli ambienti importanti per cui Alberto girò per tutta l’Europa con le sue impressionanti invenzioni. Una fra tutte? La lavastoviglie che funziona senza acqua e senza detersivo. Peccato che i maggiori produttori di elettrodomestici l’abbiano rifiutata perché tanto di acqua ce n’è un’infinità. Salvo poi accorgersi che le riserve idriche del pianeta si stanno esaurendo e i rischi per l’uomo sono davvero gravi. Forse è il caso di riconsiderare le idee del signor Volcan.

 

 

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

You may also like

Anziani e bambini: quando ad accomunarli è il gioco

Cosa succede se si consente ai degenti di