Cervello: una nuova scoperta!

Cervello: una nuova scoperta!

- in Scienza
674
0

Il cervello umano, si sa, è ancora un universo da scoprire per gli scienziati che però, proprio negli ultimi giorni, hanno fatto un’interessantissima scoperta.

Un gruppo di ricercatori americani della Carnegie Mellon University, infatti, è riuscito a comprendere come le nuove conoscenze si formano nel cervello. I risultati della loro ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica “Journal of Human Brain Mapping” ed ha evidenziato le metodologie sperimentali e i protocolli seguiti per ottenere tali risultati.
Il risultato più importante è proprio quello di aver potuto visualizzare come e dove determinate informazioni vengono codificate nel cervello, e come le differenti nozioni acquisite in combinazione influenzino diverse aree del cervello stesso. Queste informazioni hanno permesso di tracciare delle mappe cerebrali che permettono di stabilire a cosa stia pensando una determinata persona valutando quale sia l’area cerebrale maggiormente attiva.

La grande innovazione portata da questa ricerca non sta solo nei risultati, ma soprattutto nell’applicazione della metodologia al cervello umano. Altri studi simili, infatti, erano stati condotti in precedenza, ma non su esseri umani. La ricerca del gruppo della Carnegie Mellon University, quindi, partiva da una base già comprovata che evidenziava come anche gli animali erano in grado di immagazzinare informazioni nuove immediatamente, soprattutto se legate alla propria sopravvivenza, come l’alimentazione o l’ambiente circostante.
Quello che ha meravigliato è stato evidenziare che tutte le persone immagazzinano le nuove conoscenze nello stesso modo e nella stessa parte di cervello. Tuttavia, le nuove conoscenze presentano delle “firme di attivazione” che possono essere tracciate grazie a determinati software, permettendo così di comprendere a cosa si stia pensando.

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Anziani e bambini: quando ad accomunarli è il gioco

Cosa succede se si consente ai degenti di