Caso Maugeri, Formigoni condannato a sei anni per corruzione

Caso Maugeri, Formigoni condannato a sei anni per corruzione

- in Italia
347
0

Natale amaro a Roberto Formigoni. Per i giudici è colpevole di avere sistematicamente favorito le due aziende leader della sanità privata lombarda, il San Raffaele e la Fondazione Maugeri, incassando in cambio vantaggi e favori di ogni genere

La conclusione di un processo che appariva interminabile arriva a ridosso di Natale, e regala un Natale amaro a Roberto Formigoni, per quasi vent’anni presidente della Regione Lombardia.

Accogliendo quasi in pieno le richieste della Procur​a, il tribunale di Milano condanna a sei anni di carcere l’ex governatore della regione più ricca d’Italia. Per i giudici Formigoni è colpevole di avere sistematicamente favorito le due aziende leader della sanità privata lombarda, il San Raffaele e la Fondazione Maugeri, incassando in cambio vantaggi e favori di ogni genere. Il tribunale ha dichiarato Formigoni colpevole di corruzione ma non di associazione a delinquere, come chiedeva la procura che per lui aveva proposto nove anni di carcere.

Formigoni si è sempre protestato innocente, rivendicando con orgoglio di avere messo a disposizione dei cittadini lombardi un sistema sanitario, basato tanto sugli ospedali pubblici che sui privati convenzionati, invidiato da tutto il paese. Ha sempre sostenuto l’assenza di delibere a favore di San Raffaele e Maugeri, spiegando che tutte le decisioni assunte dalla Regione avevano valore per tutte le aziende del settore; e ha spiegato i sontuosi viaggi e gli altri altri benefit come semplici frutti della amicizia con il lobbista Pierangelo Daccò e l’ex assessore alla Sanità Antonio Simone, entrambi provenienti come lui dal mondo di Comunione e Liberazione.

Ma la Procura nella sua requisitoria, fatta propria stamattina dal tribunale penale, aveva letto la triade in modo radicalmente opposto: per i pm, Formigoni, Daccò e Simone formavano la cupola di una organizzazione criminale che avrebbe causato un “danno enorme” alla sanità pubblica, succhiando risorse regionali per oltre settanta milioni di euro e depredando le stesse aziende, il San Raffaele e la Maugeri, favorite dalle delibere. “Un cancro”, così il pm Pedio ha definito il “sistema Daccò” che per dieci anni, dal 1997 al 2011, avrebbe regnato in Lombardia.
Insieme a Formigoni vengono condannati anche Daccò e Simone. Vengono invece assolti i due dirigenti più importanti della Regione nell’era formigoniana, Carlo Lucchina e Nicola Maria Senese. Formigoni aveva liquidato le tesi della Procura come “fantascienza”. I giudici sono stati di diverso avviso.

 

 

 

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/caso-maugeri-formigoni-condannato-sei-anni-corruzione-1345225.html

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Gli utilizzi alternativi della carta stagnola che non conoscevi

Se fino a questo momento avete pensato che la