BRIIICS con tre “I”

60

 

 

 

 

 

 

 

Sì, BRIIICS, con tre s “I”. Questo perché per i paesi di Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa (che hanno appena tenuto un vertice a Durban, Sud Africa) saranno presto aggiunti l’Iran e Indonesia.

L’Iran è un leader vigoroso morale e politico.

Si leva contro il sionismo.

Ha enormi risorse naturali e sta facendo uno straordinario progresso tecnologico.

Sarà presto un membro BRIIICS.

E così sarà l’Indonesia, che ha la quarta maggiore popolazione del mondo, un’economia in rapida via di sviluppo (circa il 7% annuo) e, ancora, enormi risorse naturali.

Già, i BRICS presenti hanno il 40% del popolazione mondiale, il 30% della sua massa di terra, e il 25% del PIL, con quest’ultimo una figura netta crescita.

Altri paesi, come il Venezuela, Turchia, Egitto, Pakistan e Malesia, sono certi di aderire presto, ma molto più importante è la decisione BRICS di istituire una nuova banca di sviluppo a lungo termine delle infrastrutture.

Questa è destinata a rivaleggiare, o meglio, surclassare, le istituzioni occidentali.

La logica di fondo è semplice: i BRICS sono determinati a sfidare il dominio politico ed economico occidentale e, in particolare, rompere il dominio del Fondo Monetario Internazionale e della Banca mondiale, che non hanno risposto alle esigenze di sviluppo dei paesi poveri e hanno generalmente servito solo per metterli in sempre crescente,  debito non-rimborsabile.

Tutto ciò è una notizia eccellente.

L’Occidente ha sfruttato i paesi emergenti e poveri e ovunque è stato finanziariamente e militarmente aggressivo.

In parole povere, gli altri paesi sono stanchi dell’Occidente: ne hanno avuto abbastanza.

La nuova banca, tuttavia, ha più scopi più che solo una banca di sviluppo.

L’aggressione americana, per esempio, in ultima analisi, dipende dal fatto che il dollaro USA è la riserva monetaria mondiale e la principale moneta di scambio.

I BRICS stanno per concludere l’istituzione di una nuova riserva e moneta di scambio.

Infatti, la situazione può essere spiegata ancora più chiaramente.

L’Occidente ha da tempo sfruttato e tutti gli oppressi che poteva, ma ora, nella metafora tradizionale, viene preso in contropiede.

Il potere politico si sta spostando dall’Occidente, il potere economico si è già spostato e la sua autorità morale è quasi completamente scomparsa (le torture, gli omicidi, il genocidio strisciante dei palestinesi e la promozione deliberata di un settarismo vizioso l’hanno ormai del tutto usurata).

Significativamente, i BRICS si oppongono alle sanzioni e le minacce di guerra contro l’Iran e sono fortemente contrari a Israele sionista.

Non passerà molto tempo che Israele venga dichiarato uno stato paria.

Forse il risultato più significativo del vertice BRICS è la proposta di creare un cavo di fibra ottica che collega tutti i cinque stati (con estensioni relativamente facili da Iran e Indonesia).

In effetti, potrebbe essere che i paesi BRICS stanno costruendo un sistema globale indipendente ottico di internet a fibra o almeno uno a banda larga su cui non si ha il controllo completo.

I paesi BRICS sono intensamente consapevoli del fatto che gli Stati Uniti, negando l’evidenza delle sue sedici agenzie di intelligence, sta portando avanti un programma sionista contro l’Iran che comprende escludere l’Iran dal sistema bancario internazionale SWIFT e da altre operazioni bancarie.

Il nuovo cavo dovrebbe porre fine a questo.

I paesi BRICS stanno alzando la bandiera dell’indipendenza e stanno dicendo all’Occidente che l’abuso degli altri è andato così lontano che gli altri stanno cominciando a decidere da sé della loro vita.

E questo sarà davvero importante perché sempre più nel Movimento dei Paesi non Allineati si uniranno ai BRICS in vari modi, che includono in particolare gli accordi regionali, economici, finanziarii, militari e tecnologici.

Un esempio è che la Cina e il Brasile hanno firmato un accordo di scambio di valuta in base al quale si prevede cioè di utilizzare le proprie valute per la metà dei loro scambi commerciali, e il dollaro USA non sarà coinvolto.

Per un po ‘il dollaro USA può ancora aspettarsi di rimanere la principale moneta di scambio ma all’improvviso non lo sarà più.

Inoltre, l’Africa, per esempio, a lungo sfruttata esclusivamente per i suoi minerali e le risorse, senza preoccupazione per le vite degli abitanti,ha semplicemente intenzione di rivolgersi a coloro che possono fornire l’unica cosa di cui l’Africa ha grande esigenza: L’industrializzazione.

L’importanza del vertice BRICS non può essere sottovalutata in parte perché rappresenta nuovi paesi che cominciano a prendere il potere, e in parte perché si preannuncia un nuovo mondo in divenire.

Tuttavia, un nuovo mondo non è necessariamente un mondo migliore e i BRICS, diventando BRIIICS e molto di più, devono fare attenzione a non incorporare, senza rendersene conto, le ipotesi e le pratiche derivanti dalla corruzione delle vecchie istituzioni occidentali, il suo pensiero e i suoi comportamenti.

Il principale di questi è pensare che non importa se c’è grande differenza tra ricchi e poveri.

Questo concetto ’trickle-down’ è il cuore della corrotta economia occidentale ed è una violazione completa del principio fondamentale del mercato, in cui si afferma che i produttori e i consumatori devono essere le stesse persone.

Ad esempio la produzione reale (e quindi il consumo) di alimentazione deve essere diffuso a tutti nella società.

Un’altra ipotesi corrotta è che l’interesse è necessario per la diffusione di una vera capacità produttiva.

Gli interessi non sono necessari: sono solo una tassa imposta dalla élite finanziaria globale a proprio vantaggio.

I BRIIICS devono garantire che le banche commerciali siano controllate in modo che esse possano solo prestare il proprio denaro.

Ma l’offerta di moneta principale, per la diffusione dell’economia reale, deve scaturire, senza interessi, dalla banca (anche se può essere somministrato da parte delle banche commerciali che fanno solo un costo giusto somministrazione).

Jalal scrive: “Questa è la cosa migliore che possa accadere al mondo. Un nuovo potere che non lascerà agli ex coloni la fetta grande della torta come al solito.

Questo potrebbe anche essere la strada giusta per un ordine mondiale finalmente nuovo che contribuirà a liberare l’essere umano e condurre l’umanità verso un mondo più equilibrato e armonioso.

Fonte: http://www.presstv.ir/detail/2013/03/28/295484/look-out-the-briiics-are-coming/