Le meraviglie di Barcellona: non solo movida

95

Quando si pensa a Barcellona il pensiero va subito alla movida. La città catalana, però, è una realtà che offre tantissimo anche da un punto di vista artistico e storico.

Dici Barcellona ed è subito movida. O forse no. Vero è che il fulcro pulsante della Catalogna, seconda città della Spagna per numero di abitanti dopo la capitale, è una realtà che ha molto altro da offrire a chi ha la fortuna di visitarla. Vediamo insieme tutto quello che non dovete perdervi se progettate un viaggio a Barcellona.

Un itinerario alla ricerca della Barcellona più autentica…

La prima cosa da vedere a Barcellona è sicuramente La Rambla: questo lungo viale che da Piazza della Catalogna conduce vicino al mare, ove si trova una statua di Cristoforo Colombo. È uno dei simboli di Barcellona ed è uno dei luoghi maggiormente frequentati da turisti e abitanti della città. Una passeggiata lungo tutto il suo percorso è d’obbligo. Altro luogo iconico di Barcellona è la Sagrada Familia, che deve il suo fascino al fatto di essere stata concepita da Gaudì ed a quello di essere rimasta incompiuta. Questo monumento della cristianità è interessante sia da un punto di vista storico che artistico e vale davvero la pena sopportare la lunga fila che bisogna fare per visitarlo.

barcellona

Di quartieri antichi…

E a proposito di luoghi tradizionali come non citare il Barrio Gotico, quartiere storico di Barcellona dove ancora oggi è possibile trovare traccia dell’architettura romanica e greca? Prima di lasciare questo pittoresco quartiere è d’obbligo recarsi al Museo Picasso, dedicato al grande pittore, uno dei simboli del ventesimo secolo. Per continuare ad immergersi nella Barcellona più tradizionale si può poi decidere di tornare indietro, verso La Rambla e visitare il Mercato della Boqueria. Tra i mercati che animano la Spagna, questo è il più grande in assoluto ed è il fiore all’occhiello della città.

barcellona

Passando per l’arte…

Ma tornando a concentrare l’attenzione sui luoghi di interesse artistico, non si può non ricordare la Cattedrale di Barcellona, molto amata dai catalani. Questo luogo di culto è dedicato a Santa Eulalia e alla Santa Croce. Visitandolo si potrà scoprire la leggenda relativa alla fondazione della città. Non si può dimenticare il Museo di Arte Contemporanea, uno dei luoghi che meglio rappresentano il nuovo corso della città catalana, iniziato con le Olimpiadi del 1992. Questo polo museale si trova nel Quartiere Raval, storicamente molto importante. Un tempo, nei primi anni del secolo scorso, era una sorta di Chinatown di Barcellona e per molto tempo è stata una delle zone meno raccomandabili della città; oggi è divenuto invece uno dei punti più importanti della movida cittadina.

barcellona

E senza dimenticare la modernità

Infine, prima di tornare a casa, si deve trovare il tempo per visitare il Camp Nou e per scoprire alcune opere di Gaudì. Lo stadio del Barcellona è un luogo decisamente coinvolgente, così come il polo museale che si trova al suo interno e che racconta la storia della squadra “blaugrana”. Per quanto riguarda Gaudì, meritano attenzione alcune sue opere “a cielo aperto”, come ad esempio il celebre Parco Güell, suggestivi giardini resi realtà per tutti i cittadini della splendida città catalana.

barcellona

Il Team di BreakNotizie

Leggi anche:

Viaggio a Siviglia: le 5 cose da non lasciarvi scappare

Le tre cose che abbiamo appreso – a nostre spese – dall’attentato di Barcellona