Assad: La pazienza della Siria sulle violazioni della tregua ha un limite

Assad: La pazienza della Siria sulle violazioni della tregua ha un limite

- in Mondo
452
0

Il presidente siriano Bashar al-Assad, ha definito “un barlume di speranza” la tregua in vigore dal sabato scorso nel suo paese, promettendo di fare la sua parte per rispettarla.

“Faremo la nostra parte per far funzionare le cose”, ha affermato, oggi, il presidente siriano in un’intervista con la stazione televisiva pubblica tedesca, ARD.

La scorsa settimana, nel tentativo di porre fine quasi cinque anni di spargimenti di sangue in Siria, la Russia e gli Stati Uniti hanno accettato di dare origine ad un cessate il fuoco in Siria. Nelle prime ore di sabato scorso è entrata in vigore la tregua che esclude i gruppi terroristici ISIS(Daesh, in arabo) e il Fronte Al-Nusra, filiale locale di al-Qaeda.

Il Governo di Al-Asad ha accettato di rispettare l’accordo, tuttavia, ha avvertito che “i gruppi armati che rifiutano la decisione del cessate il fuoco e svolgono azioni militari saranno classificati come terroristi”, e saranno affrontato dalla Siria con fermezza.

“Abbiamo evitato ritorsioni per dare una possibilità di sopravvivenza all’accordo. È quello che possiamo fare, ma alla fine tutto ha un limite, dipende dall’altra parte “, ha sottolineato il capo dello Stato siriano.

Le sue osservazioni hanno visto la luce in un momento che vede l’inizio della tregua in Siria dove ci sono stati diversi episodi di violazioni.

Al-Asad, d’altra parte, ha definito la tregua “una luce di speranza” ed ha offerto l’amnistia totale ai gruppi armati che combattono il suo governo a patto che depongano le armi.

“Lascino le armi, se sono interessati a far parte del processo politico (….). Per me la cosa più importante, legalmente e costituzionalmente, è che un cittadino non può avere armi da fuoco, ferendo persone o facendo danni”, ha sottolineato.

“Questo è tutto quello che chiediamo, non chiediamo niente di più. Come ho detto, proponiamo l’amnistia totale “, ha insistito il presidente siriano, che ha affermato che le persone che vivono nel paese stanno soffrendo un  disastro umanitario.”

Inoltre, ha evidenziato che nelle aree controllata dall’opposizione hanno impedito alle forze governative di inviare cibo e medicine, e deplorato il fatto che l’esercito siriano è stato attaccato in queste zone. “Come possiamo impedire che queste aree ricevano cibo, quando non siamo in grado di fermare la fornitura di armi?” È la domanda che si è posto Assad.

Fonte: Hispantv

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Lettera a Berlusconi, a Salvini e alla Toffa

QUATTRO PRECISE CONDIZIONI PER VOTARE FORZA ITALIA Commenti