Anche la Repubblica Ceca si smarca dall’euro

Anche la Repubblica Ceca si smarca dall’euro

- in Economia
1372
0
Fonte immagine: http://www.eunews.it/2017/04/10/colpo-alla-moneta-unica-la-repubblica-ceca-si-sgancia-dalleuro/82811Fonte immagine: http://www.eunews.it/2017/04/10/colpo-alla-moneta-unica-la-repubblica-ceca-si-sgancia-dalleuro/82811

La moneta unica è sempre meno apprezzata nel Vecchio continente: la Repubblica Ceca ha deciso di “smarcarsi” dall’euro per poter salvare le proprie riserve

Tempi duri per l’Unione Europea e per l’euro: dopo la Brexit, in Francia cresce nei sondaggi il desiderio di abbandonare la moneta unica, dalla quale ha deciso di “smarcarsi” pure la Repubblica Ceca; la Banca nazionale del Paese, infatti, ha deciso di non tenere il cambio fisso della propria moneta nazionale, la corona, con l’euro, fissato fino ad oggi a 27 corone per 1 euro. La decisione è stata presa per salvaguardare le proprie riserve, che rischiavano di venir prosciugate.

Il tasso era rimasto in vigore negli ultimi tre anni e la modifica spinge la Repubblica Ceca più lontano all’eurozona: sembra essere cambiato dunque l’obiettivo del Paese, che fino a non molto tempo fa dichiarava di voler entrare a far parte dell’euro, mentre ora tale traguardo si allontana con decisione. Un brutto colpo soprattutto per l’Europa, dato che la Repubblica Ceca è una nazione che, seppur piccola, è altamente industrializzata e ben integrata con le principali economie dell’Europa.

1491682932548.jpg--l__euro_perde_un_altro_pezzo__la_repubblica_ceca_si_sgancia

Ancorarsi all’euro era stata una scelta al tempo vista come necessaria per contrastare l’inflazione e per evitare che gli investimenti all’estero dei cittadini cechi potessero diventare troppo onerosi, ora invece la marcia indietro: è decisamente più conveniente sganciarsi dall’euro, soprattutto perché negli ultimi tempi la corona ceca era finita sotto l’attacco degli speculatori internazionali, con conseguenze negative non solo per le riserve ma anche per il bilancio pubblico.

Una mossa ritenuta dalla Banca nazionale senza alternative, dato che le altre strade potenzialmente percorribili erano la vendita di buona parte delle riserve oppure un ingresso a tutti gli effetti nell’euro. In sostanza, dei bivi senza uscita. Per molti la seconda opzione avrebbe significato rinnegare la sovranità nazionale, poiché l’Unione Europea al momento è vista in modo non molto diverso dalla dittatura comunista, che portò nei Paesi dell’est europeo una gestione a livello economico disastrosa. Smarcarsi dall’euro è stata dunque la scelta più logica per non ricadere in una situazione già vissuta e perciò temuta.

 

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Telefonini e smartphone: è pericoloso averli a “contatto”?

La recente sentenza del Tribunale di Ivrea ha