Addio Italia: ecco le 5 mete preferite dai pensionati per iniziare una nuova vita

Addio Italia: ecco le 5 mete preferite dai pensionati per iniziare una nuova vita

- in Italia, Lifestyle
656
0

Dopo una vita di lavoro e sacrifici, sempre più italiani decidono di godersi la pensione all’estero, con meno tasse ed una vita più agiata e serena. Ecco quali sono le mete più gettonate e perchè.

Sono ormai 400 mila gli italiani che decidono di trasferirsi all’estero una volta andati in pensione. Un dato allarmante a detta dell’Inps, che ha evidenziato un aumento del fenomeno pari al +131% nel 2016. Si tratta infatti di soldi erogati dallo Stato italiano ma che danneggiano l’Irpef poiché le tasse ad esse correlate non vengono pagate in Italia, inoltre non vi è un ritorno in termini di consumi, che va a Paesi come il Portogallo, che hanno dato via a delle politiche di attrazione nei riguardi di cittadini con capacità di spesa come i pensionati.

Esistono infatti dei luoghi in cui un pensionato medio, che in Italia fatica ad arrivare a fine mese, può permettersi dei lussi come una villa dotata di piscina. Ciò è dovuto non soltanto al costo della vita inferiore ma alla pensione italiana detassata, con un conseguente assegno mensile più cospicuo. Secondo un sondaggio di Reale Mutua Assicurazioni ben il 64% dei pensionati sarebbe disposto a varcare il confine ed iniziare una nuova vita, godendosi il meritato riposo dopo anni di lavoro e sacrifici. Rispetto a 20 anni fa i sessantenni attuali sono più propensi a provare esperienze nuove, sradicandosi da luoghi ed abitudini quotidiane, sono più in salute ed hanno una maggiore aspettativa di vita. Ma quali sono i Paesi più convenienti?

Al primo posto c’è Panama, in America centrale, meta idilliaca per via del suo clima variegato (dal caldo afoso di Panama city sino a quello fresco delle zone d’altura), le sue splendide coste, un sistema sanitario all’avanguardia ed un basso tasso di criminalità. A ciò si aggiunge un determinante fattore economico: Panama infatti non tassa i redditi provenienti dall’estero, le imposte a livello locale sono molto basse e sono previsti sconti ed agevolazioni per le visite mediche, bollette, ristoranti, trasporti pubblici e biglietti aerei. Per ottenere il visto di residenza occorre dimostrare di percepire una pensione di almeno 1000 dollari al mese (circa 850 euro).

Per il secondo posto invece occorre spostarsi in Asia sudorientale, in Malesia: nonostante si tratti di una nazione in via di sviluppo è particolarmente apprezzata per il suo sistema sanitario efficiente, per la sua modernità e per il fatto che conservi ancora tutta la sua genuinità asiatica. Si tratta di un incantevole mix di etnie e culture, con gente ospitale ed una cucina locale eccellente. In questo Paese i pensionati hanno diritto ad un visto di residenza e possono accedere a numerose agevolazioni.

Al terzo posto fra le preferenze dei pensionati italiani vi è invece la Costa Rica, dal clima tropicale, una natura prorompente e panorami mozzafiato. Ad aggiungere qualità della vita il sistema sanitario impeccabile, un basso tasso di criminalità ed una serie di agevolazioni su farmaci, alimenti ed abbigliamento, oltre agli autobus gratuiti. Per ottenere la residenza nel Paese più felice (e verde) del mondo un pensionato deve dimostrare di avere entrate mensili pari o superiori a 1000 dollari.

Seguono, al quarto posto, le isole Canarie, con un clima gradevole tutto l’anno, un costo della vita molto più basso rispetto all’Italia, dalla benzina sino agli affitti, ed una tassazione della pensione molto ridotta. Al quinto posto, anche se di poco, c’è il Portogallo, che in questi anni è diventata una vera e propria Eldorado dei pensionati italiani: oltre seimila persone di età inclusa fra i 60 ed i 64 anni hanno deciso di stabilirsi all’estremo occidente europeo. La preferenza è dovuta anzitutto alla possibilità di percepire la pensione esente dalle tasse per ben 10 anni, grazie agli accordi bilaterali con l’Italia. Gli altri buoni motivi che spingono gli italiani a dire addio al Bel Paese sono il costo basso degli immobili, il clima ottimo, il costo della vita conveniente ed una nutrita comunità di emigrati italiani.

Il Team di Breaknotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Niente cure per un ragazzo paraplegico: Veneto Banca gli ha “bruciato” tutti i risparmi

Il crac della Veneto Banca ha gettato nella