Accordo Gran Bretagna-Francia per un muro anti-immigrati

Accordo Gran Bretagna-Francia per un muro anti-immigrati

- in Mondo
544
0

Entro la fine del 2016 a Calais verrà costruito un muro – per volere della Gran Bretagna – per impedire ai migranti di accedere in territorio britannico

Ha suscitato non poche polemiche – e pure qualche ironia – la decisione della Gran Bretagna, in accordo con la Francia, di costruire un muro in terra francese, per la precisione a Calais, in modo da impedire ai migranti l’accesso al suolo britannico. Il costo dell’operazione sarà di poco inferiore ai 3 milioni di euro, verrà sostenuto interamente dalla Gran Bretagna e il completamento della costruzione è previsto entro la fine dell’anno.

Il muro – ironicamente già ribattezzato “Grande muraglia di Calais” – sarà in cemento armato e la posa del primo mattone è programmata già per settembre. I più scettici circa l’utilità di tale costruzione hanno già parlato di spreco di denaro pubblico, mentre altri hanno definito “trumpiana” la decisione di tirare su una divisione per impedire il passaggio ad altre persone; il riferimento è al muro che Trump ha annunciato durante la campagna elettorale americana per impedire l’accesso negli Stati Uniti agli immigrati messicani.

Il muro sarà lungo circa un chilometro e alto quattro metri e verrà costruito in prossimità dell’autostrada che si snoda vicino al campo migranti di Calais, ribattezzato la “Giungla”; la costruzione in cemento armato arriverà fino al porto e avrà delle superfici lisce, per evitare che vi siano dei tentativi di scavalcarla arrampicandosi.

Attualmente nella stessa zona è presente una recinzione in filo spinato, che però non ha impedito ai migranti che si trovano nel nord della Francia di giungere in Gran Bretagna tramite i camion o i treni che percorrono l’Eurotunnel. Il Regno Unito prosegue dunque nella direzione intrapresa dopo la Brexit, il cui voto è stato determinato in buona parte dalla paura verso gli immigrati.

Ed è stato proprio il sottosegretario all’immigrazione, Robert Goodwill, ad annunciare che le misure di sicurezza verranno inasprite ulteriormente grazie allo stanziamento di 17 milioni di sterline (circa 20 milioni di euro). In tanti, però, si domandano: basterà un muro a fermare persone che sono disposte anche a perdere la vita pur di sfuggire alla fame e alla miseria?

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Ecco perché baciare fa bene alla salute

Sapevate che baciare è un toccasana per la