Abuso di proteine: ecco cosa succede nel nostro organismo

Abuso di proteine: ecco cosa succede nel nostro organismo

- in Alimentazione, Salute
1177
0
Fonte immagine: http://medicina24.info/alimentazione-miti-sfatare-eccesso-proteine/

Le proteine sono fondamentali per il nostro organismo, ma non bisogna esagerare: ecco tutti i disturbi che possono essere causati da un’assunzione eccessiva

L’importanza delle proteine in un’alimentazione corretta è nota a tutti: forniscono energia e servono per diverse funzioni vitali svolte dall’organismo, come il rafforzamento del sistema immunitario e la riparazione dei tessuti muscolari. Per tali ragioni le proteine, sia di origine animale che vegetale, devono essere presenti all’interno di un regime alimentare equilibrato, tuttavia bisogna fare attenzione a non eccedere, superando il fabbisogno giornaliero.

La dose quotidiana di proteine per un adulto medio è compresa fra 50 e 62 grammi, superata la quale si può andare incontro a disturbi e malattie anche di una certa gravità. Quando si verifica un abuso di proteine, l’organismo ne risente; quali sono i segnali che possono indicare un consumo eccessivo di queste macromolecole? Il corpo lancia diversi avvertimenti: se si assumono troppe proteine, si è spesso di cattivo umore e a ciò si aggiungono stanchezza e deconcentrazione

sete

Un eccesso di proteine nell’organismo, infatti, può “annebbiare” il cervello. Il cattivo umore comporta anche irritabilità, per cui le persone con una dieta fin troppo ricca di proteine tendono più facilmente alla collera, al nervosismo e perdono molto spesso la pazienza. Coloro che assumono proteine per lo più animali, inoltre, sono propensi all’aumento di peso, poiché la carne è ricca di grassi. Prevedere nella dieta proteine sia vegetali che animali è la soluzione per evitare di ingrassare a causa dell’esagerato apporto proteico.

Un’altra delle conseguenze da abuso di proteine sono le difficoltà a livello digestivo e stitichezza, inoltre i reni per smaltire quelle in eccesso sono chiamati ad un lavoro supplementare, quindi si urina di più, aumenta la disidratazione e si percepisce maggiormente la sete. Infine, chi mangia con troppa frequenza carne tende a sudare di più e a soffrire di alito cattivo, poiché l’organismo quando non dispone più di sufficienti carboidrati utilizza i grassi come combustibile metabolico e la conseguente produzione di chetoni fa sì che l’alito acquisisca odore di acetone.

 

Il team di BreakNotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Telefonini e smartphone: è pericoloso averli a “contatto”?

La recente sentenza del Tribunale di Ivrea ha