Abuso di forza sui manifestanti in Turchia

53

Che cosa si può fare ora per fermare l’abuso di forza sui manifestanti in Turchia

Un manifestante si copre il volto durante gli scontri con la polizia turca vicino l’ufficio del primo ministro a Istanbul (Foto di Uriel Sinai / Getty Images).

In Turchia, una grave crisi dei diritti umani si profila. Ecco quello che un aggiornamento su quello che si può fare al riguardo .

La Crisi

Mentre le proteste continuano a oscillare nelle città turcheAmnesty International ha messo in guardia che le lesioni a causa di “abusi della polizia continueranno ad aumentare a meno che le autorità riportino le tattiche di polizia, in linea con le norme fondamentali sui diritti umani . “gli eccessi della polizia sono stati vergognosi “ dice Amnesty. Il numero eccessivo dei feriti dalla polizia è ancora sconosciuto, ma si crede essere di migliaia. Molti dei feriti sono gravi . Non ci sono ancora notizie non confermate di morti.

 

Con i media turchi spesso che sembrano minimizzare gli eventi in Turchia , i social media hanno assunto un ruolo chiave nella diffusione di notizie sulle proteste. Le immagini di un eccesso di polizia sono davvero scioccanti.

Amnesty note:

Prova video ha documentato la polizia deliberatamente sparando gas lacrimogeni i manifestanti. I membri del pubblico che non hanno protestato sono stati colpiti da un uso eccessivo di gas lacrimogeni , che è stato usato in spazi ristretti, come la stazione della metropolitana di Taksim e presumibilmente in edifici in cui i manifestanti erano rifugiati.

Le autorità affermano di aver arrestato vicino a 1000 persone. Decine di video amatoriali scattate sulla scena delle dimostrazioni mostrano delle forze dell’ordine di colpire, calci e battendo i manifestanti con manganelli, anche quando erano stati inabili dagli effetti del gas lacrimogeno.

John Dalhuisen, Europa Centrale e direttore del programma Asia di Amnesty International, osserva che “[tre] giorni dopo l’inizio di una ondata senza precedenti di repressione della polizia contro i manifestanti, le autorità turche hanno mostrato poco rimorso e nessuna indicazione di un cambiamento di tattica di polizia. “Amnesty è” particolarmente preoccupato per l’uso di gas lacrimogeni in spazi ristretti dove rappresenta una grave minaccia per la salute “, afferma Dalhuisen.

Cosa si può fare

Mentre guardiamo queste scene orribili, non siamo impotenti.  Una voce di protesta può essere ignorato, ma migliaia e centinaia di migliaia di persone non possono .

Ecco i passi che si può prendere oggi:

1. Scrivere direttamente al governo turco!

Il più semplice, primo passo è quello di utilizzare questo modulo elettronico per scrivere ai funzionari turchi , esprimendo le vostre preoccupazioni. È possibile utilizzare la nostra lingua modello o utilizzare il proprio, ma la tua lettera deve essere breve, fattuale, e gentile. Sollecitare i vostri amici e familiari a scrivere lettere.

Le vostre lettere devono effettuare le seguenti operazioni:

R. Chiediamo alle autorità di porre fine immediatamente l’uso eccessivo della forza contro manifestanti pacifici

B. Invito a loro per garantire il diritto alla libertà di espressione e di riunione

C. sollecitarli ad avviare un’indagine rapida, indipendente e imparziale l’uso eccessivo della forza e consegnare alla giustizia i funzionari di polizia si trovano ad avere dimostranti maltrattati o altri membri del pubblico.

Si può anche scrivere all’ambasciata turca nel paese di origine.

Per l’ambasciatore turco negli Stati Uniti, scrivere a:

Ambasciatore Namik Tan
Ambasciata, Repubblica di Turchia
2525 Massachusetts Avenue., NW
Washington, DC 20008

 

Se vivete al di fuori degli Stati Uniti, è possibile trovare informazioni sulla rappresentanza diplomatica della Turchia nel vostro paese qui.

 

2. Utilizzare i social media come Twitter e Facebook per diffondere la parola .

Messaggi di Facebook dovrebbero chiedere alle persone di partecipare all’azione , non solo “come” il vostro messaggio. Il governo turco non legge il vostro “mi piace”, ma si accorge quando è inondato con centinaia di migliaia di lettere.

Ecco alcuni messaggi suggeriti per Twitter:

. @ RT_Erdogan Intervenire ora! Nessun uso di più abusivo della forza da parte della polizia @ aforgutu insanhakları # # # humanrightsforturkey humanrights

. @ RT_Erdogan autorità turche devono consentire il diritto alla protesta pacifica dei manifestanti @ aforgutu # # insanhakları humanrightsforturkey

. @ RT_Erdogan Niente più pestaggi della polizia! Non più sparare lacrimogeni deliberatamente contro i manifestanti @ aforgutu # humanrightsforturkey

. @ RT_Erdogan Rilasciare aggiornate e accurate informazioni sul numero e l’entità delle lesioni @ aforgutu # # insanhakları humanrightsforturkey

. @ RT_Erdogan chiamata immediata inchiesta, indipendente e imparziale sulle accuse di eccessiva forza @ aforgutu # humanrightsforturkey

. @ RT_Erdogan cambiare brano: Fermare la violenza, permettono protesta pacifica, indagare sugli abusi e non lasciare di nuovo @ aforgutu # insanhakları

. @ RT_Erdogan Niente più morti in manifestazioni in # Turchia! @ Aforgutu insanhakları # # # humanrightsforturkey humanrights

3. rimanere informati.

Provvederemo ad aggiornare l’azione se necessario. Valutare l’iscrizione Amnesty International – di USA Network turco Azione Regionale , seguici su Facebookil nostro blog, i diritti umani in Turchia . Questa è una crisi urgente e in corso.  Abbiamo bisogno del vostro sostegno.

http://blog.amnestyusa.org/europe/what-you-can-do-now-to-stop-the-abuse-of-protestors-in-turkey/

Attraverso: http://risvegliodiunadea.altervista.org/?p=4210