5 consigli per imparare a gestire serenamente la psoriasi

318
5-consigli-per-imparare-a-gestire-la-psoriasi

La psoriasi è una malattia della pelle che è ancora oggetto di molti pregiudizi e che spesso fa sentire a disagio chi ne soffre. Per questo è importante parlarne. Vediamo come imparare a gestirla in maniera serena e migliorare così la propria vita.

La psoriasi è una patologia autoimmune della pelle che soltanto in Italia colpisce circa 2 milioni di persone, pari al 3,1% della popolazione. Può insorgere a qualunque età ma la sua prima comparsa in genere può manifestarsi fra i 20 e 30 anni, oppure fra i 50 e i 60.

La psoriasi in genere si manifesta sotto forma di placche e chiazze rosse ricoperte da squame biancastre in particolare a livello delle articolazioni come ginocchia e gomiti ma anche nelle mani e nei piedi, nel cuoio capelluto e nella regione sacrale. Talvolta l’infiammazione e la desquamazione sfociano anche in sanguinamento. Nella maggior parte dei casi i sintomi tendono a regredire durante l’estate e a riacutizzarsi nei mesi invernali. La psoriasi non mette in pericolo la vita di chi ne è affetto, tuttavia influenza molto la qualità della vita: purtroppo vi è ancora tanta ignoranza in merito e molte persone credono che si tratti di una malattia contagiosa, per questo motivo spesso chi soffre di psoriasi viene isolato. In realtà, trattandosi di una malattia autoimmune non è affatto contagiosa.

gomito-con-psoriasi

Cause della patologia

La causa principale della psoriasi risiede nella genetica, tuttavia altre cause possono essere l’assunzione di determinati farmaci, l’alcol o il fumo, traumi esterni o un forte stress. Non esiste un rimedio definitivo alla psoriasi poiché si tratta di una patologia cronica, pertanto non si può curare del tutto ma è possibile tenerla sotto controllo, in modo da conviverci serenamente. Come fare quindi per evitare periodi di recrudescenza e gestire senza problemi la psoriasi? Ecco 5 consigli per migliorare la propria condizione, non soltanto a livello fisico ma anche psicologico. In questo modo la psoriasi non sarà altro che una “compagna” di vita, a volte fastidiosa ma del tutto gestibile.

1. Rivolgiti ad un esperto, evita le cure fai da te

La psoriasi non va sottovalutata: se si manifesta per la prima volta e inizialmente sembra una semplice eruzione cutanea deve essere curata e seguita in maniera specifica altrimenti si corre il rischio che peggiori. Meglio quindi consultare appena possibile il medico di famiglia e poi uno specialista in dermatologia ed attenersi in maniera scrupolosa alle loro indicazioni.

medico-visita-paziente2. Impara ad ascoltare il tuo corpo

La psoriasi non è uguale per tutti, pertanto occorre imparare ad osservarsi e a riconoscere ciò che fa peggiorare i sintomi e quali comportamenti fanno aggravare la propria condizione, in modo da evitarli.

3. Non trascurare l’esposizione solare

Esporsi al sole è benefico per chi soffre di psoriasi poiché ne lenisce notevolmente i sintomi. Meglio quindi cercare di stare all’aria aperta il più possibile. Nei mesi estivi è consigliabile andare al mare: oltre a contrastare gli effetti della psoriasi dall’esterno aiuterà tantissimo anche a rilassarsi e a liberarsi dallo stress, una delle cause di questa patologia.

psoriasi-doccia

4. Indossa vestiti leggeri e evita di grattarti

Per attenuare i sintomi della psoriasi, in particolare il prurito, scegliere il giusto tipo di abbigliamento può fare la differenza. Meglio optare quindi per tessuti naturali e vestiti non troppo aderenti, ma comodi. Quando si avverte prurito è consigliabile lenire il fastidio con dell’acqua fresca piuttosto che grattare la parte.

5. Vivila con naturalezza

Lo stress, come suddetto, gioca un ruolo determinante nella manifestazione dei sintomi della psoriasi e gran parte di esso dipende dal fatto che chi soffre di questa patologia prova disagio e ansia sociale nei confronti delle altre persone. Al contrario non ci si dovrebbe vergognare di questo aspetto della propria vita ma piuttosto parlarne con naturalezza e senza nascondersi. Lo stato d’animo può influenzare enormemente l’andamento della patologia, pertanto è consigliabile rimanere rilassati e sereni, per quanto è possibile.

aiutare

Il Team di Breaknotizie