10 fiori da avere in balcone o in giardino per nutrire le api tutto l’anno

10 fiori da avere in balcone o in giardino per nutrire le api tutto l’anno

- in Animali, Casa
822
0

Diamo una mano alle nostre amiche gialle e nere coltivando piantine utili sia per noi che per il loro nutrimento!

Tempi duri per le api: indispensabili e necessarie per l’impollinazione dei fiori e del 75% delle colture di cui ci nutriamo, stanno subendo una drastica decrescita in questi ultimi anni. Le cause principali da attribuire alla loro progressiva scomparsa sono i neonicotinoidi, delle sostanze chimiche presenti nei pesticidi, che rendono sterili i fuchi. Nel nostro piccolo, però, possiamo dare una mano alle nostre piccole amiche gialle e nere, coltivando in giardino e sul balcone alcuni fiori ed essenze per rifornirle tutto l’anno di nettare e polline.

Le piante ideali da coltivare sono quelle versatili, utili anche per altri scopi, come ad esempio quelle che si possono impiegare in cucina. Si possono aggiungere inoltre piantine facili da seminare, specie che regalano fioriture molto belle e che arricchiranno il nostro terrazzo e le nostre aiuole. Meglio scegliere fiori e piante stagionali, ossia che fioriscono in estate, autunno e primavera, in modo da garantire alle api il nutrimento durante l’intero ciclo vegetativo, implementando la loro presenza. Si possono variare le misure così come i colori: le api sono una specie generalista, che ama un’ampia varietà di fiori. Creando delle aiuole o delle fioriere con le stesse specie vegetali le aiuteremo a riconoscerle e a localizzarle più facilmente, anche da lunga distanza. Vediamo fiori e piante da coltivare, stagione per stagione.

Primavera

Erba cipollina (Allium schoenoprasum). Si tratta di una liliacea spontanea ed annuale, che fiorisce tipicamente a primavera. Il nettare dei suoi fiori delicati di color violetto sono una vera bontà per le api. Questa erbetta inoltre è molto impiegata in cucina per dare un tocco in più alle portate.

Rosmarino (Rosmarinus officinalis). È una delle piante mediterranee perenni più conosciute, di facile coltivazione e resistente anche al freddo. I suoi ramoscelli profumati in primavera si punteggiano di peculiari tonalità che sfumano dall’azzurro al violetto. Gli arbusti di rosmarino durante questa stagione sembrano emettere un ronzio proprio, visto l’alto indice di gradimento degli insetti.

Tulipano (Tulipa sp.). Anche il tulipano, come l’erba cipollina, è una liliacea ed uno dei primi fiori a sbocciare in primavera. Il bulbo deve essere piantato durante la stagione fredda e rimane quiescente sotto terra per l’intero inverno.

Estate

Basilico (Ocimum basilicum). Le sue foglie sono il condimento di molti piatti mediterranei, grazie al suo aroma ed inconfondibile profumo. È particolarmente gradito anche dalle api: i suoi fiori bianchi dalla forma a calice sbocciano in estate e sono un vero e proprio invito irresistibile per gli insetti.

Borragine (Borago Officinalis). Questa piantina annuale viene impiegata dall’uomo per numerosi scopi, sia in campo erboristico, sia come antiparassitario in orticoltura ed agricoltura. È persino commestibile ed è molto facile da coltivare, persino in vaso. I fiorellini dalla forma stellata di colore blu intenso attirano le api grazie al loro elevato quantitativo di nettare.

Flox (Phlox spec.). Questo genere include una numerosa varietà di piantine dai fiori graziosi e variopinti, ideali per abbellire giardini e balconi. Sono facili da coltivare e regalano generose fioriture.

Salvia (Salvia officinalis). Questo arbusto non ha particolari esigenze di cura e ama l’esposizione al sole. I fiori, di una nuance fra il viola ed il blu, sono particolarmente graditi alle api.

Lavanda (Lavandula Officinalis). Nonostante il suo aspetto delicato, la lavanda è una pianta rustica che ben si adatta a differenti climi. Il suo tipico colore blu viola decora con genuinità gli ambienti e la sua peculiare fragranza, oltre ad attirare le api, profumerà aiuole e terrazze.

Autunno

Crisantemo (Chrysanthemum sp.). Si tratta di una pianta perenne che può essere anche coltivata in vaso e resiste persino alle temperature più rigide. Verso ottobre – novembre, nei climi temperati, regala dei fiori dalle forme incantevoli e dalle nuance più svariate e: rosso vivo, lilla, giallo, arancio, rosa, fucsia. È preziosa poiché fornisce nutrimento alle api prima dell’invernamento.

Topinambur (Heliantus tuberosus). Questa piantina composita appartiene alla famiglia dei girasoli e può crescere anche spontaneamente. Fiorisce in autunno, a ottobre, in bel giallo acceso. Generalmente più conosciuta per via della sua radice commestibile, era largamente coltivata già dall’epoca precolombiana.

Il Team di Breaknotizie

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Niente cure per un ragazzo paraplegico: Veneto Banca gli ha “bruciato” tutti i risparmi

Il crac della Veneto Banca ha gettato nella